15:46 17 Novembre 2018
Estrazione di petrolio

Petrolio in calo nonostante l'entrata in vigore delle sanzioni statunitensi contro l'Iran

© Sputnik . Ilya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
0 02

I prezzi del petrolio greggio sono in calo oggi nonostante l'introduzione di ieri di un secondo pacchetto di sanzioni statunitensi contro l'Iran, questo dovrebbe portare ad una riduzione dell'offerta di materie prime sul mercato, testimoniano i dati di mercato.

A partire da stamattina, il costo del composto Brent è diminuito del 0,33%, fino a 72,93 dollari al barile, il prezzo del WTI di 0,17%, cioè 62,99 dollari al barile.

Il 5 novembre sono entrate in vigore le sanzioni statunitensi contro l'Iran per le esportazioni di petrolio. Washington ha detto in precedenza dell'obiettivo di portare a zero le esportazioni di petrolio iraniano e ha invitato i suoi acquirenti ad abbandonare l'acquisto. Il segretario di stato Mike Pompeo ha dichiarato che USA forniscono la temporanea esclusione dalle sanzioni a Cina, India, Italia, Grecia, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Turchia. L'inviato speciale del dipartimento di stato per l'Iran Brian Hook ha detto che per 180 giorni otto paesi saranno esclusi dalle sanzioni, ma non è previsto rinnovamento di questo.

"Il mercato del petrolio ha da tempo respinto le sanzioni contro l'Iran" ha scritto la Reuters citando l'opinione dell'analista del FXTM Jamil Ahmad.

L'esperto ritiene che ora il mercato delle materie prime è più interessato alle prospettive della domanda mondiale di "oro nero" alla luce di una serie di fattori incerti, che esercitano una pressione sulle prospettive dell'economia mondiale. In particolare, c'è un fattore di rischio per la crescita delle due maggiori economie mondiali, quella di Stati Uniti e Cina, per la guerra commerciale in corso tra i due paesi.

Gli offerenti hanno anche prestato attenzione alle previsioni sulle risorse del Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti. Così, il dipartimento di stato USA ha detto che la produzione di petrolio dei paesi non-OPEC, come si prevede, crescerà di 2,4 milioni di barili al giorno nel 2018 e di 2,3 milioni di barili al giorno nel 2019.

Correlati:

L'Iran sarà in grado di vendere petrolio in cambio di beni autorizzati dagli Stati Uniti
L'Iran continuerà a vendere petrolio nonostante le sanzioni USA - Rouhani
Rubinetti chiusi: la Russia interromperà le forniture di petrolio alla Bielorussia
Tags:
mercato, Petrolio, Sanzioni, gas, Caso petrolio, sanzioni, Iran, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik