15:27 15 Novembre 2018
Salt

Scienziati scoprono nuovi rischi del sale

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
351

Consumare grandi quantità di sale aumenta il rischio di sviluppare la sclerosi multipla, riporta MedicalXpress.

Gli scienziati dell'università di Yale hanno condotto uno studio in cui hanno scoperto che quando si verifica un'alta concentrazione di sale, viene attivata la via di segnalazione "Wnt". Allo stesso tempo, il lavoro delle cellule T regolatorie, che supportano il rapporto ottimale tra citochine (molecole peptidiche) interferone-gamma e interleuchina-10, viene interrotto. Il loro squilibrio porta a processi infiammatori che possono innescare lo sviluppo di una malattia pericolosa.

Gli scienziati osservano in precedenza si pensava che l'attivazione della via di segnalazione Wnt era associata ad un aumentato rischio di cancro. Un nuovo studio dimostra che l'aumento della concentrazione di sale nel corpo è un pericolo per il sistema nervoso centrale.

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune cronica che colpisce la guaina mielinica delle fibre nervose del cervello e del midollo spinale. La malattia è tipica per i giovani e per le persone di mezza età (dai 15 ai 40 anni). La malattia colpisce diverse parti del sistema nervoso, il che porta alla comparsa di una varietà di sintomi neurologici nei pazienti.

Correlati:

Ministero della salute indica le tre regole per vivere allungo
Euronews: l'OMS invita tutti gli abitanti del pianeta a muoversi per la loro salute
Gli scontrini sono dannosi per la salute
Tags:
Salute, Medicina, malattia, Salute, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik