14:54 18 Novembre 2018
Pattugliatore della Marina russa “Vasily Bykov”

Negli Stati Uniti hanno definito il simbolo del degrado della Marina russa

CC BY-SA 4.0 / Ministry of Defence of Russia/Press service of The Southern Military District
Mondo
URL abbreviato
9233

Le navi russe, in partenza per un lungo viaggio durante le esercitazioni della NATO, sono un punto di riferimento nella testimonianza di un problema più grande della Marina russa, scrive Business Insider.

L'edizione americana ricorda l'incidente, verificatosi negli ultimi decenni, alle navi militari e alle loro relative infrastrutture. In particolare, gli autori hanno portato ad esempio il disastro del sottomarino K-141 Kursk, gli incendi nei cantieri e incidenti con la portaerei Admiral Kuznetsov.

"Questa serie di incidenti e problemi porta ad una conclusione inevitabile: la marina russa ha un problema di manutenzione", sottolinea Business Insider, su cui si osserva che la Marina russa ha un certo numero di navi, in particolare l'Admiral Kuznetsov, che praticamente non hanno mai affrontato una lunga navigazione.

Secondo l'analista militare Brian Clark, gli armamenti militari senza revisione sono in grado di servire solo per i primi 20-25 anni di funzionamento.

L'incapacità di gestire l'invecchiamento dei veicoli per l'esperto significa l'incapacità di sostituzione degli elementi. Clark ritiene che per la flotta russa l'idea di accompagnare il rimorchiatore è diventata standard. La situazione per lo specialista è definita come una lezione per il resto del mondo. Il 22 ottobre il ministero della Difesa della Russia ha dichiarato che la squadra di navi della flotta del Baltico delle corvette Sobrazitelny, Stoiky, delle petroliere medie Kola e il rimorchiatore Konezy sono salpate per l'esecuzione programmata delle esercitazioni nel Nord Atlantico. Il compito principale è l'escursione navale e la dimostrazione sotto bandiera di sant'Andrea in diverse zone dell'Atlantico.

Dal 25 ottobre al 7 novembre, in Norvegia, le zone limitrofe del Nord Atlantico e mar Baltico, compreso lo spazio aereo di Svezia e Finlandia, sono la parte attiva degli insegnamenti Trident Juncture 2018, le più grandi esercitazioni NATO dopo la fine della guerra fredda. Sono coinvolti circa 50 mila soldati, 150 aerei, 65 navi e 10 mila unità di combattimento dei 29 paesi membri dell'alleanza, anche di Svezia e Finlandia.

Correlati:

Ammiraglio russo commenta la presenza della Marina russa nel Mediterraneo
Vertice a San Pietroburgo tra i comandanti della Marina militare russa e cinese
I sottomarini della marina russa: un sistema polivalente oceanico
Tags:
Marina militare, Guerra mediatica, marina russa, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik