14:54 18 Novembre 2018
Terra

Astronomi scoprono due nuovi satelliti della Terra

CC0
Mondo
URL abbreviato
0 103

Degli scienziati hanno confermato l’esistenza di due giganti nuvole di polvere in orbita a circa 400.000km attorno dalla Terra, riporta MNRAS.

"Le nuvole di Kordylevsky sono i due oggetti più impercettibili nelle immediate vicinanze della Terra, sono approssimativamente alla stessa distanza della Luna, motivo per cui gli astronomi in realtà non le hanno mai notate, quindi siamo molto lieti che siamo stati in grado di confermare l'esistenza di questi due pseudo-satelliti del nostro pianeta ", afferma Judit Sliz-Balogh dell'Università di Budapest (Ungheria).

Già nel XVIII secolo, gli scienziati scoprirono che piccoli corpi celesti possono muoversi in un'orbita con un pianeta se si trovano in punti dove la gravità del Sole e dei pianeti è bilanciata.

Migliaia di tali oggetti, o "asteroidi Troiani", sono stati trovati spesso nelle orbite di Giove, Marte e Nettuno, ma fino a poco tempo fa, gli scienziati non riuscivano a trovare alcun asteroide simile vicino alla Terra. Come dicono i ricercatori, i satelliti troiani della Terra sono molto difficili da cercare, in quanto sono molto vicini al Sole, guardandoli dalla superficie del nostro pianeta.

Oggi sono noti solo sei quasi-satelliti della Terra — 2016 HO3, 2010 TK7, 2003 YN107, 2004 GU9, 2001 GO2 e 2002 AA29. Tutti, ad eccezione del HO3 del 2016, ruotano in traiettorie molto instabili, e alcuni di loro hanno già smesso di seguire la Terra e hanno lasciato la sua orbita alcuni anni o decenni dopo la loro scoperta.

Schliz-Balog e i suoi colleghi hanno trovato altri due oggetti molto simili ai quasi satelliti della Terra: le cosiddette nuvole di Kordylevsky, che avevano acquisito uno status mitico e molto controverso nel corso degli ultimi cinquant'anni.

La loro esistenza fu ipotizzata dall'astronomo polacco Kazimir Kordylevsky. Osservando due punti troiani sull'orbita terrestre nel 1961, notò che in uno di essi c'era un grande accumulo di polvere, che eclissava la luce del Sole e delle stelle.

Questa affermazione, come rilevato da Schles-Balog, fu accolta con scetticismo dalla comunità scientifica, dal momento che gli astronomi non credevano che oggetti così grandi potessero mantenere la stabilità in questi punti. Più tardi, gli scienziati hanno ripetutamente controllato i calcoli Kordylevsky, senza essere in grado né confermarli né di confutarli.

Gli astronomi ungheresi però hanno escogitato un metodo ingegnoso per trovare tracce dell'esistenza di queste nuvole e stimarne le dimensioni. Invece di osservare il calore e la luce che le loro particelle di polvere possono emettere, hanno guardato a come le collisioni con loro cambiano la polarizzazione dei raggi del sole che passa attraverso i punti "troiani".

Dopo diversi mesi di osservazioni, Schliez-Balogh e i suoi colleghi sono riusciti a trovare tracce del fatto che la luce del sole era polarizzata linearmente di quasi il 20% nella regione L5, il punto troiano situato direttamente dietro la Luna.

Analizzando le sue proprietà, gli scienziati giunsero alla conclusione che l'oggetto non era generato da una, ma da due nuvole di polvere, ognuna delle quali è circa tre volte più grande del principale satellite naturale della Terra. Non è ancora chiaro quanto siano stabili e per quanto tempo la Luna viene "inseguita", ruotando con essa attorno al nostro pianeta.

Schliz-Balog ei suoi colleghi pianificano di trovare risposte a queste domande osservando le nuvole di Kordylevsky con l'aiuto di telescopi orbitali più potenti, il cui funzionamento non sarà influenzato dall'inquinamento luminoso e dalla polvere nell'atmosfera.

Correlati:

Gli astronomi: il "cannibalismo" del più grande satellite della Via Lattea
Il satellite TESS ha fotografato i primi mondi abitabili
La polvere lunare è micidiale per i futuri colonizzatori umani del satellite
Tags:
Spazio, Satellite, spazio, Esplorazione dello spazio, Terra
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik