03:36 13 Novembre 2018
Cannabis

Perché la Russia critica la legalizzazione della marijuana in Canada?

CC0
Mondo
URL abbreviato
627

Il 22 ottobre, il ministero degli Esteri russo ha criticato la legalizzazione della cannabis per scopi ricreativi da parte del Canada, accusando una violazione di tre documenti internazionali e la creazione del più grande mercato della droga al mondo.

La preoccupazione della Russia è legata al fatto che con l'adozione di questa legge, le sostanze legalmente acquistate in Canada potranno essere trasportate illegalmente in altri paesi, compresa la Russia, per via aerea o via mare. Il primo ministro canadese Justin Trudeau assicura che la legislazione adottata è finalizzata principalmente alla lotta alla criminalità organizzata.

"Distruggendo deliberatamente il regime internazionale del controllo delle droghe, il governo canadese crea il più grande mercato al mondo di droga commerciale, che, nonostante tutte le assicurazioni e le misure programmate per impedire l'esportazione di marijuana oltre i confini nazionali, contribuirà certamente ad un forte aumento del suo traffico anche verso altri stati, stati che oltretutto rispettano rigorosamente alla lettera queste convenzioni. La Russia e, probabilmente, altri paesi dovranno prendere ulteriori misure per frenare eventuali tentativi di contrabbandare cannabis e derivati ​​dal Canada", ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in un briefing il 17 ottobre.

La Federazione Russa ritiene inoltre che il governo liberale di Justin Trudeau violi i tre più importanti accordi internazionali: la Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, la Convenzione sulle sostanze psicotrope del 1971 e la Convenzione sulla soppressione del traffico illecito di stupefacenti e sostanze psicotrope del 1988.

"Siamo convinti che questo disegno di legge sia in contrasto con la pratica legale internazionale nel controllo del traffico di droga", ha affermato il ministero degli Esteri russo attraverso la sua ambasciata a Ottawa. Secondo la diplomazia russa, il governo canadese "applica in modo selettivo testi giuridici multilaterali e vincolanti".

Il 22 giugno di quest'anno Il governo russo aveva già espresso preoccupazione per la futura legalizzazione della cannabis in Canada. La Russia ha anche invitato l'ONU a studiare questo problema.

Il ministero degli Esteri canadese ha commentato la notizia per l'Agenzia France Presse. I suoi rappresentanti hanno affermato che la legalizzazione non minerebbe la loro "determinazione a rispettare gli obblighi delle convenzioni delle Nazioni Unite sulla droga e proteggere la salute e la sicurezza" dei canadesi. Il ministero afferma che il Canada continuerà a combattere l'industria della droga con altri paesi.

Sputnik ha parlato con un rappresentante dell'ambasciata russa in Canada e ha scoperto che la missione diplomatica è rimasta sorpresa dal modo in cui il Canada interpreta le suddette convenzioni internazionali.

La posizione dell'ambasciata è la seguente: la Russia rispetta pienamente la sovranità del Canada, ma non può ignorare le conseguenze dell'adozione di questo disegno di legge su scala globale. La Russia sta anche studiando gli aspetti legali della legalizzazione dal punto di vista del diritto internazionale.

L'ambasciata russa in Canada ha confermato che la legalizzazione della cannabis è un pericolo per la lotta contro il traffico di droga in tutto il mondo. Questo punto di vista della Direzione principale per il controllo della droga del ministero degli Interni della Russia è anche condiviso dal segretario del Consiglio di sicurezza della Russia Nikolay Patrushev.

"Con la legalizzazione di questa sostanza in Canada, ovviamente, aumenterà la possibilità di contrabbando di cannabis in altri paesi, inclusa la Russia. Il mercato della cannabis libera è un pericolo su scala internazionale. I servizi di frontiera russi lavoreranno per introdurre ulteriori misure di sicurezza, specialmente negli aeroporti", ha affermato un rappresentante dell'ambasciata russa in Canada.

"Esistono canali per il traffico di droga che attraversano la Russia o arrivano in Russia. Nonostante il fatto che le droghe legali siano vietate per l'esportazione, c'è un tale pericolo. Ci sono troppi "imprenditori". Le persone possono comprare legalmente le droghe e poi esportarle, nonostante i divieti. Abbiamo bisogno di una barriera. "

Correlati:

Ristorante di Mosca multato per 840 mila rubli per la birra con la cannabis
A Kiev i nazionalisti picchiano i dimostranti per la legalizzazione della cannabis
Canada: fuma marijuana, arrestato al volante due ore dopo la legalizzazione
Tags:
Droga, narcotraffico, droga, Marijuana, ambasciata, Justin Trudeau, Canada, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik