03:49 13 Novembre 2018
Una donna che indossa l'hijab

Difensori dei diritti ONU: la Francia viola i diritti dell’uomo

CC0
Mondo
URL abbreviato
0 14

I membri del Comitato per i diritti umani dell'ONU hanno dato al governo francese sei mesi per rivedere il divieto d'indossare il burqa e accusando le autorità di Parigi di violare i diritti delle donne multandole per aver indossato un niqab. Secondo la Resistance Republicaine, i vestiti tradizionali islamici contraddicono l'identità francese.

Il comitato delle Nazioni Unite ha dato tempo a Parigi fino alla fine di aprile 2019 per rivedere la sua politica sulle donne islamiche, dicendo che non è "persuaso" dalle argomentazioni di Parigi che il divieto di coprire il viso era legato alla sicurezza e all'obiettivo di vivere insieme in una società secolare. Inoltre, il comitato ha accusato le autorità francesi di aver violato la libertà di religione di due donne multate nel 2012 per aver indossato il niqab.

In un commento scritto per Sputnik, Christine Tasin, presidente della Resistance Republicaine, un'associazione contraria all'islamizzazione della Francia, ha condannato la decisione della commissione, definendo le sue conclusioni "un sacco di storie per nulla".

"Prima di tutto, questo comitato non ha autorità, e le sue opinioni non sono affatto vincolanti", ha spiegato Tasin. "Se la Francia avesse un leader come Salvini o Putin, non c'è dubbio che le opinioni di questi pseudo-esperti sarebbero oggetto di commenti ironici e sardonici, una gesto dell'ombrello verbale", ha aggiunto.

Inoltre, Tasin sosteneva che in realtà era l'ONU a violare i diritti inalienabili del popolo francese "intromettendosi nelle nostre leggi, nel nostro sistema di giustizia e nelle scelte della nostra società. Questa è una deriva inaccettabile verso la globalizzazione e una violazione del principio sacrosanto della democrazia ", ha insistito.

Infine, Tasin ha suggerito che l'ONU non ha il diritto morale di essere "sia giudice che giuria" in questo caso, perché il Comitato per i diritti umani è nelle mani dei sostenitori dell'Islam e fa tutto "per promuovere l'islamizzazione dei nostri paesi in nome della 'libertà di religione'."

La Francia, osserva l'attivista, è un paese laico in cui la religione, come la politica, è una questione privata e non dovrebbe essere presa in considerazione da nessuno.

Il caso del niqab è particolarmente sensibile, secondo Tasin, poiché tocca uno dei documenti più sacri della Francia, la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e dei cittadini del 1789.

"Il velo sfida l'uguaglianza tra uomini e donne, dal momento che indica che le donne sono esseri separati che devono nascondersi e che gli uomini sono animali in calore, pronti a gettarsi sulle donne se vedono i capelli o le gambe di una donna" lei ha notato.

L'idea che Parigi dovrebbe sottomettersi alle opinioni di un comitato delle Nazioni Unite è giustamente disprezzata dal pubblico, ha affermato Tasin.

"I francesi non hanno mai votato per rinunciare alla sovranità del nostro paese e trasferirlo ad "esperti "internazionali che non conoscono la situazione in Francia, non conoscono le nostre tradizioni e leggi", ha osservato.

Il principale problema della Francia, secondo l'attivista, è che il paese è guidato da Emmanuel Macron, che lei definisce un "globalista che odia la Francia" e coglie ogni occasione per criticare il paese, la sua storia e l'attaccamento del pubblico all'identità francese.

Con questo in mente, Tasin teme il peggio, dicendo che il presidente potrebbe rivedere la legge del 2010 sui niqab per placare il comitato delle Nazioni Unite. È ragionevole, ha chiesto, che "le persone che indossano il velo potranno insegnare ai nostri figli che una donna è inferiore a un uomo e che deve camminare in un sacco della spazzatura per evitare le esplosioni di gelosia del marito?"

Infine, sottolineando che la Francia è in guerra con il terrorismo islamista e ha subito ripetuti attacchi, Tasin ha sostenuto che il ritorno del niqab metterebbe in pericolo innumerevoli vite.

"Recentemente, un pericoloso criminale ha ucciso un ufficiale di polizia ed è fuggito di prigione: è riuscito a rimanere in fuga, a vivere in un quartiere islamizzato e a spostarsi indossando un niqab. Come può questo comitato osare chiedere l'impossibile della Francia, che ha già pagato il prezzo di 255 morti e 1.100 feriti dal 2015? " l'attivista ha concluso.

Correlati:

Parlamento danese: divieto di indossare velo che nasconde faccia e cappelli
Federazione Internazionale di basket permette alle donne di giocare col velo
Russia, Parlamento ceceno dice sì al velo islamico nelle scuole: è polemica
Russia, Peskov: il dibattito sul velo islamico? Non al Cremlino
Tags:
Islam, radicalismo islamico, islam, Hijab, Violazioni dei diritti umani, ONU, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik