06:47 15 Novembre 2018
Giornali

La Russia nei media stranieri: cosa pensa la gente in Occidente

© AP Photo / Tim Ireland
Mondo
URL abbreviato
290

In Francia le persone laureate più spesso di tutti gli altri rilevano i pregiudizi dei media nei confronti della Russia.

Il 53% dei francesi, il 50% dei tedeschi, il 47% degli inglesi e il 43% degli americani credono che i media dei loro Paesi descrivano in modo distorto la Russia. I media più affidabili sulla Russia sono in proporzione ancora meno: un quarto in Francia, un terzo nel Regno Unito e il 39% in Germania e negli Stati Uniti.

Questi dati emergono da un sondaggio condotto per Sputnik dalla più antica società di rilevazione di sondaggi d'opinione in Francia, la Ifop, dal 9 al 20 agosto 2018 in Francia, Regno Unito, Germania e Stati Uniti.

Risultati principali

Il 53% dei francesi, il 50% dei tedeschi, il 47% degli inglesi e il 43% degli americani credono che i media dei loro Paesi forniscano un'immagine distorta della Russia.

In Francia, Gran Bretagna e Germania gli uomini più spesso delle donne rilevano pregiudizi nei confronti della Russia: in Francia il 56% contro il 49%, in Gran Bretagna il 52% contro il 43%, in Germania il 51% contro il 48%.

La Russia nei media stranieri: cosa pensa la gente in Occidente
© Sputnik /
La Russia nei media stranieri: cosa pensa la gente in Occidente

In Francia e Germania più i giovani che le persone con età avanzata rilevano pregiudizi nelle notizie diffuse dai media sulla Russia: in Francia la pensa in questo modo il 58% di chi ha meno di 35 anni (in particolare nella fascia d'età tra i 25-34 anni il 63%) contro il 51% di quelli che hanno più di 35 anni, in Germania il 54% tra chi ha meno di 35 anni contro il 48% di ultratrentacinquenni.

Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna al contrario un maggior numero di persone più avanti con gli anni rispetto ai giovani parla di pregiudizi nei media sulla Russia: negli Stati Uniti il 46% tra gli over 35 contro il 34% tra quelli sotto i 35 anni, nel Regno Unito il 51% tra gli ultratrentacinquenni contro il 38% di quelli sotto i 35 anni.

Bilancio per Paese

Francia

Le persone laureate (56-59%) più spesso di chi ancora studia (46%), ha un diploma di laurea (52%) o non ha una laurea (50%) rilevano i pregiudizi dei media nei confronti della Russia.

Nelle città delle province della Francia più spesso che nell'agglomerato di Parigi credono che i media forniscano una visione distorta delle notizie sulla Russia: il 54% contro il 48%.

Chi vota la destra ha molte più probabilità dei centristi e progressisti di sostenere che le notizie sulla Russia diffuse dai media non sono obiettive: il 72% contro il 48% e il 44%.

Chi ha votato al primo turno delle presidenziali del 2017 per François Fillon e Marine Le Pen (70% e 56%) sono più propensi di quelli che hanno votato per Emmanuel Macron (43%) nel ritenere che i media siano prevenuti riguardo alla Russia.

Stati Uniti

Gli intervistati con un alto livello di reddito (oltre 100mila dollari) e un livello medio di reddito (25-50 mila dollari) più spesso delle persone con un reddito inferiore ai 25mila dollari rilevano pregiudizi dei media rispetto alle notizie sulla Russia: 48% contro il 36%.

Gli americani dalla pelle bianca più spesso degli afroamericani parlano di mancanza di obiettività nella copertura giornalistica sulla Russia: 45% contro 31%.

I protestanti più spesso dei cattolici rilevano pregiudizi dei media nei confronti della Russia: il 51% contro il 36%.

I repubblicani più spesso i democratici parlano di pregiudizi dei media: il 55% contro il 36%.

Regno Unito

A Londra e nel sud del Regno Unito più frequentemente che in altre regioni parlano di tendenza prevenuta dei media nella diffusione di notizie sulla Russia: il 50% e il 53% contro il 45% delle altre regioni mediamente.

Chi vota Verdi più spesso dei sostenitori di altri partiti politici parlano di pregiudizi dei media nei confronti della Russia: il 56% contro il 47% tra i sostenitori del Labour e il 48% dei conservatori, il 50% tra i liberaldemocratici.

Germania

Nella Germania orientale, più spesso che nella parte occidentale del Paese e Berlino i media sono ritenuti prevenuti nel fornire notizie sulla Russia (65% contro 47 e 48%).

I rappresentanti di altre religioni più spesso di cattolici e protestanti parlano di pregiudizi da parte dei media: 64% contro 43 e 44%.

Chi vota destra più frequentemente di chi vota a sinistra considera i media faziosi nei confronti della Russia (54% contro 47%).

Il sondaggio è stato condotto per Sputnik dalla più antica società di rilevazione di sondaggi d'opinione in Francia, la Ifop, dal 9 al 20 agosto 2018 in Francia, Regno Unito, Germania e Stati Uniti.

giornali nel chiosco
giornali nel chiosco

4.033 intervistati di età superiore ai 18 anni hanno partecipato al sondaggio:

  • Francia: 1013 intervistati
  • Regno Unito: 1003 intervistati
  • Germania: 1010 intervistati
  • USA: 1007 intervistati

Il campione rappresenta la popolazione per sesso, età, geografia.

L'errore statistico è stimato al 3,1%.

Il progetto internazionale per lo studio dell'opinione pubblica è stato lanciato nel gennaio 2015. La nota società di ricerche "Populus" partecipa come partner. Il progetto "Sputnik.Opinione" conduce regolarmente sondaggi sull'opinione pubblica in Europa e negli Stati Uniti sulle questioni sociali e politiche più attuali.

Sputnik è un'agenzia di stampa e una radio con centri multimediali di informazione in decine di Paesi. Sputnik include siti web, trasmissioni analogiche e digitali, application per tablet e smartphone e pagine sui social network.

Tags:
Sondaggio, Media, Occidente, Germania, Francia, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik