14:38 21 Novembre 2018
Штаб-квартира Всемирного банка в Вашингтоне

FMI stanzia prestito di 3,9 miliardi di dollari per l’Ucraina

© flickr.com/ Shiny Things
Mondo
URL abbreviato
5114

Il governo dell'Ucraina e il Fondo monetario internazionale hanno concordato un nuovo prestito di $ 3,9 miliardi per un periodo di 14 mesi, ha detto il servizio stampa del Fondo Monetario Internazionale.

"Il nuovo programma prevede l'accesso a 2,8 miliardi di DSP (una speciale unità di calcolo del FMI, pari a 3,9 miliardi di dollari USA), che garantirà la stabilità economica dell'Ucraina nel 2019", ha aggiunto il fondo.

La decisione sul nuovo prestito del FMI è stata presa immediatamente dopo che il governo ucraino ha aumentato i prezzi del gas del 23,5 percento.

I nuovi prezzi saranno validi dal 1° novembre. Ora mille di metri cubi di gas costerà agli ucraini più di 300 dollari al cambio ufficiale attuale.

Il Premier Vladimir Groysman ha detto di aver compreso quali difficoltà questa decisione avrebbe portato a ciascuna famiglia ucraina, ma ha rilevato che il FMI ha chiesto un aumento del 60% dei prezzi per fornire nuovi finanziamenti.

Aumentare i prezzi del gas è una delle condizioni del Fondo Monetario Internazionale per continuare la cooperazione con Kiev. Il FMI insiste sull'abolizione degli obblighi speciali e sulla transizione ai prezzi di mercato.

Il programma quadriennale di assistenza al FMI, in vigore dal 2015, prevedeva l'assegnazione di un totale di 17,5 miliardi di dollari all'Ucraina. Il nuovo programma lo sostituirà, i termini di finanziamento non saranno così duri, ma i tassi sui prestiti saranno più alti.

 

Correlati:

Media: FMI impone 4 nuove condizioni a Ucraina per ottenere prestito
Media: l'Ucraina e il problema ottenimento tranche dal FMI
Accordo tra governo ucraino e FMI: sì ad aumento delle bollette del gas per i cittadini
FMI: sottovalutazione del rublo e la sopravvalutazione del dollaro
Tags:
Prezzo gas, Prezzo gas, Prestiti, Prestiti, FMI, Vladimir Groisman, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik