12:49 18 Novembre 2018
Professor Stephen Hawking

Esperto: non è ancora tempo di aver paura dei “superuomini”

© East News / Photoshot/REPORTER
Mondo
URL abbreviato
314

Nel suo ultimo libro, Brief Answers To The Big Questions, Stephen Hawking avverte l'umanità della possibile comparsa di "superuomini", esseri umani con DNA manipolato che metteranno in pericolo la vita degli uomini ordinari. Tyler Allen, ricercatore presso la Duke University, ha spiegato a Sputnik che non è ancora arrivato il tempo di temerli.

"Teoricamente, nel prossimo futuro, sarà possibile modificare geneticamente un essere umano per creare un superuomo, modificandone il DNA e renderlo più intelligente, più forte, più veloce. Molto probabilmente la società sarà divisa in dominanti e dominati. Ma credo ciò avverrà in un tempo molto lontano. Finora nessun paese civilizzato ha condotto test genetici sugli esseri umani. Come comunità globale, abbiamo bisogno di stare insieme e discutere modi per controllare il potenziale di interferire con il genoma umano", ha osservato Allen.

Commentando la paura delle possibili conseguenze di tali scoperte, l'esperto ha parlato in difesa della scienza.

"Penso che non dovremmo avere paura delle scoperte scientifiche. Dobbiamo solo essere consapevoli delle conseguenze di una qualsiasi delle nostre scoperte, al fine di consentire alla scienza di trarne beneficio. Inoltre, è importante prendere in considerazione non solo lo stato attuale delle cose, ma anche guardare decenni avanti", ha spiegato Allen.

Tyler Allen si occupa di meccanismi molecolari delle cellule tumorali ed è membro del National Cancer Institute. Forbes lo ha inserito nell'elenco "30 Under 30" e, a 25 anni, Allen è il più giovane ricercatore della categoria "Science".    

Correlati:

Times ha svelato l'ultima paura di Hawking
La voce di Hawking verrà inviata in un buco nero
Articolo postumo di Hawking: invita la Cina a costruire un collisore di particelle
Tags:
superuomo, dna, ricerca scientifica, scienza, Stephen Hawking
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik