14:53 18 Novembre 2018
Il collage di Kerch

Ragazza ferita nella strage di Kerch morta in elicottero durante trasporto in ospedale

© Sputnik . Мария Крицкая
Mondo
URL abbreviato
2011

Una ragazza di 16 anni rimasta ferita nella sparatoria e nell'esplosione al politecnico di Kerch, in Crimea, è deceduta a bordo di un elicottero medico durante il trasporto verso l'ospedale di Simferopoli, ha riferito a Sputnik un rappresentante della Protezione Civile.

Mercoledì il ministero della Sanità della Federazione Russa ha riferito che il numero delle vittime della strage nel collage di Kerch è salito a 21.

"Una ragazza di 16 anni è morta in elicottero durante il trasporto", ha detto la fonte dell'agenzia.

Ha chiarito che la ragazza è la 21esima vittima della sparatoria ed esplosione al collage di Kerch.

Ieri uno studente del quarto anno ha aperto il fuoco con un fucile ed ha fatto esplodere una bomba al politecnico di Kerch. Secondo gli ultimi dati, sono morte 21 persone, tra cui 16 studenti e cinque collaboratori del college. Più di 50 persone sono rimaste ferite. Inizialmente era stato aperto dalle autorità un fascicolo per "attacco terroristico", in seguito è stato riclassificato come omicidio plurimo e strage. L'aggressore si è ucciso nella biblioteca del college.

In precedenza era stato riferito che 2 elicotteri Mi-8 della Protezione Civile e 2 elicotteri del Ministero della Sanità russo erano stati inviati a Kerch per trasportare i feriti più gravi verso strutture ospedaliere più grandi. Tutti i velivoli sono dotati di moduli medici e attrezzature necessarie. Ieri all'aeroporto di Simferopoli è arrivato da Mosca l'aereo Il-76 della Protezione Civile con cinque moduli medici, in grado di accogliere a bordo 20 pazienti.

Correlati:

Il cordoglio di Salvini per la tragedia a Kerch
Cremlino: l'agenda di Putin non cambierà per gli eventi a Kerch
Omicidio a Kerch, annunciati tre giorni di lutto
Crimea, esplosione in una scuola di Kerch: ci sono vittime
Tags:
Società, crimine, sparatoria, Kerch, Russia, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik