07:13 15 Novembre 2018
Rio de Janeiro

Il Brasile rischia una forte carenza idrica e siccità

© flickr.com/ sandeepachetan.com travel photography
Mondo
URL abbreviato
0 04

Nonostante il Brasile abbia una delle maggiori riserve di acqua dolce al mondo, entro la fine di ottobre il livello dei bacini idrici nel paese può raggiungere un livello critico. Secondo i dati preliminari, entro la fine dell'anno, diverse regioni del Brasile potrebbero dover far fronte a carenze idriche.

Questa situazione ricorda la crisi idrica del 2014 nella regione sud-orientale. Ancora una volta, è necessario monitorare il livello dei bacini idrici, ma in realtà è necessario affrontare le cause di questo problema ricorrente. Infatti la deforestazione incontrollata e l'uso disomogeneo e irragionevole delle risorse idriche aumentano i rischi climatici e portano a siccità più gravi.

Sputnik Brasil ha discusso le ragioni di questa situazione con Mário Mantovani, attivista ambientale e direttore della Fondazione SOS Mata Atlântica.

L'intervistato ritiene che le riserve idriche nel paese non siano divise in modo uniforme.

"Le riserve idriche sono distribuite in modo non uniforme. C'è l'Amazzonia che contiene quasi tutte le riserve di acqua dolce in Brasile. E ci sono regioni come il Nordest, con poche precipitazioni", ha spiegato Mantovani.

Secondo l'Agenzia nazionale delle acque (Agência Nacional de Águas, ANA), il 78,5% delle città situate nel nord-est hanno avuto problemi di siccità dal 2003 al 2016. La regione nord-orientale è più soggetta alla siccità: l'83% dei casi nel periodo sopra riportato sono stati registrati lì. Dal 2013 al 2016, 48 milioni di brasiliani hanno sperimentato gli effetti della siccità.

Oltre al Nordest, anche le principali città sono anche vittime della siccità. San Paolo ha dovuto affrontare una grave crisi idrica nel 2014-2015.

Per "rinfrescare" il paese, è necessario essere consapevoli dell'importanza della vegetazione e delle foreste dell'Amazzonia.

"La foresta è un enorme produttore di acqua. Questa esiste non solo per la biodiversità. La foresta svolge un ruolo fondamentale nel riempimento delle falde acquifere e nel mantenimento dei livelli di umidità. L'Amazzonia è una riserva idrica naturale che pompa acqua nelle regioni del sud e del sud-est ", ha detto la fonte, aggiungendo che senza il corretto utilizzo delle acque dell'Amazzonia, queste regioni saranno destinate a periodi di siccità molto più gravi.

Secondo l'ANA, le riserve idriche del Brasile vengono utilizzate maggiormente per l'irrigazione (67,2%), per l'allevamento (11,1%), per l'industria (9,5%), per l'approvvigionamento idrico nelle aree urbane (8,8%) e rurali (2,4%), nelle miniere (0,8%) e per le centrali termoelettriche (0,3%).

Secondo gli specialisti la carenza di acqua dolce è dovuta alla mancanza di controllo sull'uso delle risorse idriche in agricoltura, che danneggia gli stessi produttori.

"L'agricoltura stessa distrugge le sue attività. Quando non c'è controllo sulla fornitura di acqua, ci sono seri problemi con l'approvvigionamento", riassume Mantovani.

Correlati:

Politologa: il Brasile rischia un altro colpo di stato militare
L'estrazione illegale d'oro in Brasile
Reportage sull’inquinamento radioattivo in Brasile
Tags:
siccità, Agricoltura, siccità, Acqua, risorse, crisi economica, Danni all'agricoltura, agricoltura, Brasile
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik