04:26 13 Novembre 2018
Produzione di petrolio in Russia

Rubinetti chiusi: la Russia interromperà le forniture di petrolio alla Bielorussia

© Sputnik . Ramil Sitdikov
Mondo
URL abbreviato
2451

A partire da novembre la Russia interromperà le forniture alla Bielorussia di benzina, diesel e nafta. Tale misura restrittiva rimarrà in vigore fino alla fine dell’anno prossimo.

Come hanno chiarito dal Ministero russo dell'Energia, l'esportazione in franchigia di prodotti petroliferi verso la Bielorussia non è conveniente: Minsk soddisfa l'intero suo fabbisogno di prodotti petroliferi grazie alla raffinazione di petrolio russo. E quello che rimane dalla raffinazione Minsk non lo spreca di certo, ma lo rivende alla vicina Ucraina guadagnando così miliardi di dollari. Gli osservatori ritengono che i volumi di riesportazione abbiano raggiunto livelli tali che Mosca non può più far finta di niente.

Più del necessario

Il Ministero russo dell'Energia ha chiarito che le forniture di determinati prodotti petroliferi non prodotti in Bielorussia continueranno. Le misure restrittive non interesseranno il commercio di petrolio: nel 2019 Mosca invierà a Minsk 24 milioni di tonnellate, proprio come l'anno precedente.

Per quanto riguarda, invece, la benzina, il gasolio e la nafta si prevedono più o meno livelli prossimi allo zero.

In 7 mesi quest'anno i bielorussi hanno importato 2,3 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi dalla Russia per un totale di più di 900 milioni di dollari. Chiaramente, il reale fabbisogno della Bielorussia è molto inferiore. Si consideri che 5 anni fa le importazioni di prodotti petroliferi russi non superavano le 90.000 tonnellate.

Tutto quello che la Bielorussia non utilizza, viene riesportato principalmente in Ucraina.

I bielorussi non sono contenti

L'interruzione delle forniture di petrolio, prodotti petroliferi e gas per i volumi che superavano il fabbisogno strettamente interno era al centro delle discussioni da tempo. Ma ora la decisione è stata presa: i nuovi accordi escludono la possibilità di forniture "losche" di prodotti petroliferi all'interno dell'Unione Russia-Bielorussia (Unione Statale) in quanto portano a minori introiti per la Russia.

I bielorussi non sono d'accordo con questa posizione. Ad agosto il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko in un'intervista rilasciata al canale televisivo Belarus-1 ha dichiarato di non capire i rimproveri dovuti al fatto che le società bielorusse comprano prodotti petroliferi grezzi dalla Russia, li raffinano in Bielorussia e poi li rivendono sui mercati esteri. Il capo di stato ha aggiunto che non si tratta di una pratica nuova. Secondo lui, inoltre, i prodotti grezzi sono scarti della raffinazione del petrolio invenduti in Russia, per la raffinazione dei quali la Bielorussia "guadagna qualche centesimo".

Il buon vicinato

Non si tratta di centesimi, però. Negli ultimi anni i volumi di queste forniture sono cresciuti esponenzialmente. Gli economisti bielorussi hanno calcolato che con la riesportazione di prodotti petroliferi russi la Bielorussia ha guadagnato fino al 5% del suo PIL.

"I popoli russo, ucraino e bielorusso sono sempre stati uniti dalla perspicacia nonostante le divergenze. Questa volta la prontezza d'ingegno degli ucraini è consistita nel capire che la Bielorussia poteva essere un canale comodo e conveniente per le riesportazioni", osserva Aleksey Gromov, direttore del dipartimento Energia presso l'Istituto di energia e finanze.

L'esperto ritiene che per ora il canale sia stato chiuso solamente sulla carta, ma, se i bielorussi presenteranno prove convincenti del fatto che servono loro più risorse russe, forse le misure restrittive saranno riviste.

"Questa è una ragionevole misura preventiva, non possiamo aiutare un'altra nazione e al contempo danneggiare noi stessi. Gli ucraini possono comprare il petrolio altrove se non vogliono comprarlo direttamente dalla Russia. La perdita di ingenti somme si è fatta sentire e ignorarla sarebbe controproducente", aggiunge l'analista indipendente Dmitry Adamidov.

Si pagherà di più

Il futuro divieto di esportazione di prodotti petroliferi si farà sentire significativamente sul mercato ucraino. Secondo alcuni dati, l'Ucraina copriva fino al 40% del suo fabbisogno di carburante grazie al petrolio russo riesportato dalla Bielorussia. I vantaggi per Kiev sono ovvi: logistica vantaggiosa grazie a forniture praticamente dirette e buoni prezzi.

Il deficit fisico chiaramente non è un problema per gli ucraini perché sul mercato ci sono prodotti petroliferi a sufficienza. Il fatto è che, a differenza delle forniture in franchigia da Minsk all'interno dell'Unione doganale, le forniture da altre fonti costeranno di più: si pagherà il prezzo di mercato.

Gli economisti non escludono che a sostituire le forniture bielorusse ci proveranno i suoi più vicini concorrenti come il Kazakistan o l'Europa.

"L'Ucraina compra gas dall'Europa al 10-15% in più rispetto al gas russo e lo stesso accade con i prodotti petroliferi", sostiene Aleksey Gromov. 

Correlati:

Esperto: USA saranno in grado di superare la Russia per l'estrazione di petrolio nel 2019
L'esperta ha commentato le previsioni del principe saudita sul petrolio russo
Ministro dell'Energia russo non esclude aumento prezzi petrolio a 100 dollari il barile
Tags:
estrazione petrolio, prezzi petrolio, Petrolio, PIL, Alexander Lukashenko, Bielorussia, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik