06:47 15 Novembre 2018
Le forze militari USA in Siria. (Foto d'archivio)

National Interest svela il fallimento degli Stati Uniti in Siria

© AFP 2018 / Delil Souleiman
Mondo
URL abbreviato
4200

Bashar al-Assad in questo momento non teme più nessuna minaccia degli Stati Uniti i quali dovrebbero porre fine alla loro ingerenza militare nel paese, riporta un osservatore del National Interest Doug Bandow.

Bandow ha passato una settimana in Siria e ha osservato che "è chiaro chi comanda qui". A Damasco vive l'élite del paese, ovunque sono dislocate forze di sicurezza, quasi tutte le strade sono decorate con immagini di Assad, e gli abitanti della città sono ottimisti riguardo al futuro, condivide le sue impressioni Bandow.

L'osservatore sottolinea che gli Stati Uniti hanno fatto affidamento sulle dimissioni di Assad, e questo è stato un errore, perché aveva così tanti sostenitori e "qualcuno peggio di lui" avrebbe potuto prendere il suo posto. Inoltre, Washington voleva rendere la Siria uno stato democratico e liberale, ma nessuno dei cosiddetti "gruppi moderati di opposizione", come Jhabat al-Nusra, avrebbe potuto portare a questo risultato.

La guerra civile in Siria è stata una grande tragedia, sottolinea Bandow. L'amministrazione Trump non ha il diritto di invadere una nazione, occupare il suo territorio e dividere un paese straniero. Inoltre gli USA non possono obbligare Russia e Iran, i quali hanno relazioni strette con Assad, a lasciare il paese.

L'osservatore aggiunge che gli obiettivi militari di Trump in Siria si sono trasformati in vere e proprie fantasie. Assad non è minacciato da niente in questo momento. Letteralmente pochi anni fa nessuno avrebbe potuto pensare che il presidente siriano sarebbe riuscito a capovolgere la situazione in questa maniera, che sarebbe riuscito a riprendere il controllo sulla maggior parte del paese, ma ad oggi ma oggi ha sconfitto tutti i suoi avversari.

Bandow inoltre sottolinea che il tentativo USA di ingegneria sociale forzata non è mai stato realistico, e come esempio basta guardare al fallimento in Iraq. "L'amministrazione Trump deve porre fine all'ultimo disavventura mediorientale USA. Assad ha vinto, Washington ha perso" riassume l'autore dell'articolo.

Correlati:

USA e Israele scoprono l’inganno della Russia in Siria
Media: USA in Siria useranno gli F-22 in risposta agli S-300
Damasco accusa gli USA di addestrare i terroristi rimasti in Siria
USA chiedono di congelare il conflitto in Siria "con ogni mezzo"
Tags:
guerra, Guerra, guerra civile, Al-Nusra, The National Interest, Asma Al-Assad, Donald Trump, Siria, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik