03:13 13 Novembre 2018
NASA logo

Il capo della NASA reagisce emotivamente all'incidente del Soyuz

© AP Photo/ AP Photo/Patrick Semansky
Mondo
URL abbreviato
3313

l capo della NASA Jim Bradenstein ha risposto emotivamente alle domande dei giornalisti sull'incidente del razzo.

Giovedì si è verificato il primo incidente della storia della Russia moderna: il Soyuz-FG non ha potuto portare il veicolo spaziale Soyuz MS-10 con il nuovo equipaggio sull'ISS in orbita, a bordo c'erano il cosmonauta russo e l'astronauta americano Aleksey Ovcinin e Nick Haig. Braydenstein ha osservato che l'incidente non influenzerà la cooperazione della NASA e  Roscosmos.

"Sono orgoglioso del nostro astronauta Nick Key e sua moglie Katie, come tutti i nostri astronauti, Nick ha imparato il russo per cinque anni per partecipare a questo lancio, è stato il suo primo viaggio verso la ISS. E sono sicuro che è deluso", ha detto.

Il capo della NASA ha anche definito un eroe il cosmonauta russo. Egli ha osservato che entrambi gli astronauti si sono comportati in modo altamente professionale. "Per un po' non sapevamo cosa stava succedendo" ha detto, trattenendo a malapena le emozioni.

Braydenstein ha aggiunto che è stato colpito dalla massima qualità del lavoro di squadra al momento dell'incidente. Le azioni dei colleghi russi di Roscosmos le ha anche apprezzate molto.

"La loro squadra ha lavorato fianco a fianco con la nostra, è stato impressionante. Insieme, i nostri popoli possono fare di più che individualmente", ha detto.

Il capo della NASA ha espresso la speranza che il prossimo lancio abbia successo. "La sua reazione emotiva è chiara e naturale", ha scritto Thomas Akerberg. "Non capisco perché non possiamo andare d'accordo. Dobbiamo rendere omaggio ai russi" ha aggiunto.

Correlati:

NASA segnala avvicinamento di un asteroide grande come la piramide di Cheope
NASA mostra foto una foto dell'"occhio celeste"
Scienziati della NASA hanno scoperto “oceani d’acqua” su Giove
Tags:
Razzo vettore, Incidente, razzo, NASA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik