01:59 19 Ottobre 2018
Alexander Kokorin (dx) e Pavel Mamayev (sx)

Guai per Kokorin, il bomber dello Zenit rischia 5 anni di carcere per aggressione. VIDEO

© Sputnik. Mikhail Kireev
Mondo
URL abbreviato
829

La polizia ha avviato un’indagine per teppismo contro i calciatori Alexander Kokorin, attaccante dello Zenit, e Pavel Mamayev, centrocampista Krasnodar. Lo ha annunciato il ministero dell’Interno.

Lunedì mattina Alexander Kokorin e Pavel Mamaev hanno aggredito un uomo in una caffetteria di Mosca. Per loro sfortuna, la vittima è risultata essere Denis Pak, direttore di un dipartimento del Ministero dell'Industria. 

I due calciatori erano in compagnia di amici e conversavano a voce alta ed in stato di ebbrezza, pertanto Pak, seduto a un tavolo vicino li ha chiesto di abbassare i toni. Di tutta risposta Kokorin lo ha aggredito colpendolo con una sedia, procurandogli secondo le diagnosi mediche una commozione cerebrale con trauma cranico e lividi. Oltre a Pak, nella rissa è stato coinvolto anche il direttore generale della NAMI Sergey Gaisin.

Aggressione al caffè:

​Più tardi si è saputo che diverse ore prima, Kokorin e Mamayev avevano picchiato un uomo nel parcheggio dell'hotel Pekin, all'uscita da uno stripclub.

​La polizia ora sta cercando di capire se le due risse sono collegate e ha denunciato per teppismo i due calciatori, che rischiano fino a cinque anni di reclusione.

L'avvocato di Pak ha escluso la possibilità di un accordo preliminare.

Le squadre dei due giocatori, lo Zenit e il Krasnodar stanno considerando l'eventualità di rescindere il contratto dei due calciatori. Il padre di Mamayev, che è anche suo agente, ha dichiarato che la vita privata del giocatore non è affare del club.

RSport ha pubblicato su Twitter il video della rissa avvenuta prima dell'aggressione alla caffetteria.

Aggressione nel parcheggio:

​Alexander Kokorin e Pavel Mamayev avevano annunciato la loro serata in compagnia, su Instagram: sul suo profilo l'attaccante dello Zenit aveva pubblicato una foto in cui i due si recano a Mosca insieme dopo la partita Zenit — Krasnodar di domenica scorsa, terminata 2-1.

 

Correlati:

Putin: Russia orgogliosa dell'organizzazione dei Mondiali di calcio
“I Mondiali hanno distrutto gli stereotipi del calcio e della Russia”
Il calciatore croato Vida si è scusato con i russi per le sue dichiarazioni
Tags:
calciatori, Violenza, Indagine, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik