13:35 10 Dicembre 2018
BP

Ceo BP: sanzioni contro Gazprom e Rosneft sconvolgerebbero il sistema energetico dell'UE

© Sputnik . Ruslan Krivobok
Mondo
URL abbreviato
269

Eventuali sanzioni contro aziende russe come Gazprom, Rosneft e Lukoil potrebbero far crollare il sistema energetico europeo. Lo ha dichiarato il CEO della compagnia petrolifera britannica BP Bob Dudley.

"Non penso che possa succedere. Ma se aziende come Gazprom, Rosneft o Lukoil dovessero essere colpite da sanzioni come quelle introdotte contro Rusal, il sistema energetico dell'intera Europa potrebbe crollare", ha detto Dudley nel corso della Oil & Money Conference.

Parlando di Rosneft, nella quale BP sta investendo, Dudley ha affermato che si tratta di "un'azienda seria".

"Sono veri professionisti e siamo molto contenti di questo investimento, ma stiamo molto, molto attenti ", ha aggiunto.

All'inizio di aprile gli Stati Uniti hanno introdotto nuove sanzioni contro persone fisiche e giuridiche russe, in particolare contro la Rusal. In questo modo sono state bloccate tutte le attività dell'azienda negli Stati Uniti e il divieto di qualsiasi attività commerciale con questa azienda per i cittadini statunitensi.

In risposta all'annessione della Crimea e della guerra nel Donbass, nel 2014 l'Unione Europea e gli Stati Uniti hanno introdotto sanzioni contro la Russia.     

Correlati:

Mosca nel periodo di sanzioni stipula più accordi con le città d'Europa
Serbia: cancellazione delle sanzioni contro i parlamentari russi
Moavero Milanesi: le ragioni delle sanzioni contro la Russia possono essere eliminate
Tags:
Energia, Sanzioni, Gazprom, Lukoil, Rosneft, BP, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik