16:28 20 Ottobre 2018
Saturno

Gli anelli interni di Saturno spariranno presto

CC0
Mondo
URL abbreviato
0 42

Lo hanno scoperto gli scienziati della NASA.

I dati raccolti dalla sonda "Cassini" negli ultimi istanti di vita indicano che la materia degli anelli esterni di Saturno cade molto rapidamente nella sua atmosfera. Questo porterà alla loro scomparsa nel prossimo futuro, si dice in un articolo pubblicato sulla rivista Science.

"Si è scoperto che gli anelli di Saturno non solo "piovono", ma anche che cadono nell'atmosfera del pianeta, e generano un vero e proprio acquazzone. Ghiaccio, gocce d'acqua e polvere si muovono così velocemente che ogni secondo Saturno "mangia" circa 10-45 tonnellate di materia degli anelli", ha dichiarato Hunter Waite del Southwest Research Institute di Boulder (Stati Uniti).

La stazione interplanetaria "Cassini", che ha lavorato nello spazio per quasi 20 anni, ha smesso di funzionare lo scorso settembre, "per immergersi" nell'atmosfera di Saturno. Completando la missione in modo simile, gli scienziati della NASA speravano di scoprire il mistero di come è sorto il campo magnetico degli anelli e capire come interagisce con questi ammassi di gas e polvere. Nei suoi ultimi istanti di vita, come ha detto White, ancora prima della morte, la sonda "Cassini" era in una zona speciale dell'atmosfera, dove c'è l'esotica "pioggia" delle gocce di acqua e particelle di polvere, che a poco a poco cadono su Saturno e sugli anelli.

Tracce di questa pioggia, secondo lo studioso, sono state trovate nello spettro dell'atmosfera di Saturno già nel 1980 dalla sonda Voyager, tuttavia, prima della caduta di "Cassini", gli astronomi non erano sicuri che questo continuo flusso di polvere e acqua fosse generato dagli anelli, o dai processi interni nelle viscere del pianeta.

L'ultimo tuffo della sonda, come ha osservato White lo scorso anno, parlando all'Istituto di ricerca spaziale RAN a Mosca, ha dimostrato questo, si è scoperto qualcosa di nuovo, gli anelli sono simili per composizione alla materia delle comete. Contenevano grandi quantità organiche, di ossigeno e ammoniaca, che entravano in reazione complessa durante la caduta della pioggia su Saturno. Inoltre, a giudicare dalle misure degli spettrometri della "Cassini", il numero di particelle di ghiaccio e polvere, che cadono sul pianeta, di diversi ordini di grandezza superiore, era previsto dalle teorie che descrivono il dispositivo degli anelli e la loro interazione con Saturno. 

Osservazioni simili dicono che gli anelli a, b, c che si trovano più vicino al pianeta, possono scomparire nello spazio. L'anello d, vicino a Saturno, sarà completamente scomparso tra 60mila anni, se non sarà alimentato dall'anello C. L'anello che contiene maggiore materia, scomparirà più tardi, ma ancora molto rapidamente, tra 700 mila o 7 milioni di anni, a seconda dello scenario. Questo pone nuove domande agli scienziati su come gli anelli siano apparsi e per quanto tempo sono esistiti in passato, conclude White.

Correlati:

Un SELFI per sapere se c'è vita su un satellite di Saturno
Sonda “Cassini” incontra anomalia inspiegabile nel campo magnetico di Saturno
Spazio, la sonda Cassini rivela condizioni di vita su luna di Saturno
Tags:
Ricerca, Scoperta, Spazio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik