15:00 15 Ottobre 2018
Kiev

A Kiev rimangono senza acqua calda, il sindaco ci ride sopra

CC0
Mondo
URL abbreviato
257

Il sindaco di Kiev, Vitaly Klitschko, ha spiegato l’assenza di acqua calda nella città a causa dei problemi con le forniture di gas ridendo.

"Dicono così, che Klitschko ha chiuso i rubinetti dell'acqua calda. Scusate ma inizio di nuovo a scherzare. Cosa serve per far si che l'acqua sia calda? Il riscaldamento. Come riscaldiamo l'acqua? Con il gas. Adesso il gas non ce lo danno", ha detto il sindaco di Kiev.

In risposta alla domanda su come lui stesso affronti la situazione, Klitschko ha detto "di avere una caldaia". Allo stesso tempo, il sindaco ha riconosciuto che molte persone di Kiev non sono in grado di acquistare scaldabagni, ma ha osservato che l'installazione di caldaie renderà possibile diventare indipendenti dalla fornitura d'acqua centrale.

Secondo i media, a Kiev per quasi tutta l'estate non c'è stata acqua calda, mentre in diverse zone è assente ancora adesso.

In precedenza, Naftogaz Ukraina ha dichiarato di non voler stipulare un contratto per la fornitura di gas alla società di servizi di Kievteploenergo fino a quando la città non avrà pagato i vecchi debiti.

In questo caso, è stato riferito che nel prossimo futuro, Naftogaz Ukraina e Kievteploenergo stanno pianificando di concludere un accordo sulle forniture di gas.

All'inizio di ottobre, è stato possibile ripristinare l'approvvigionamento idrico in alcune case di Kiev, tuttavia, secondo i dati ufficiali della società fornitrice, quasi 9500 edifici sono ancora senza acqua calda.

Correlati:

Deputato russo commenta il piano di Kiev di creare un razzo capace di raggiungere Mosca
Poroshenko rivela quanto costa a Kiev la guerra nel Donbass
Kiev, Naftogaz cercherà di ottenere da Gazprom compensazione per il gas comprato in Europa
L'Ungheria dice no a Kiev: nessun cambio di nome al ministero della Transcarpazia
Tags:
Gas, Riscaldamento, gas, forniture di gas, Kiev
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik