14:54 15 Ottobre 2018
Hacker

Dove sono le prove? Lettori dei giornali tedeschi commentano nuove accuse contro Russia

© Fotolia / Tomasz Zajda
Mondo
URL abbreviato
5181

Ieri il ministero della Difesa olandese aveva annunciato di aver sventato un "attacco hacker" contro l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) che avrebbero cercato di perpetrare quattro cittadini russi.

Successivamente gli Stati Uniti hanno accusato i servizi segreti russi di cyber-attacchi contro varie organizzazioni internazionali, mentre la Gran Bretagna ha minacciato Mosca di nuove sanzioni.

I maggiori media tedeschi hanno parlato di questa vicenda, tra cui i giornali Die Welt e Die Zeit, i cui lettori hanno attivamente scambiato le loro opinioni sulla situazione commentando sui social network.

Molti lettori hanno espresso dubbi sulla veridicità delle accuse contro la Russia, evidenziando l'assenza di prove e ricordando altri casi di attacchi ingiustificati dei Paesi occidentali contro Mosca.

"Ci sono le prove? Per me sono solo dichiarazioni. In passato i governi e le agenzie di intelligence hanno spesso raccontato favole", ha scritto Harald H.

"Ancora una volta non ci sono prove oggettive. Solo lamentele a basso costo", ha osservato Croc D.

"Gli inglesi stanno ancora una volta cercando di ripristinare le loro traballanti rivendicazioni a livello internazionale, ma nessuno li prende sul serio", ha detto Rainer R.

"Fantastico, Regno Unito, Olanda ed ora gli Stati Uniti. Sempre la stessa cosa, le spie russe fanno i loro giochi e per coincidenza vengono espulse contemporaneamente da questi Paesi", ha scritto Michel Angelo.

Allo stesso tempo alcuni lettori hanno espresso l'opinione che il cyber-spionaggio è una prassi assolutamente normale per il lavoro di qualsiasi agenzia d'intelligence e che anche i servizi segreti di altri Paesi fanno le stesse cose, specialmente gli Stati Uniti e la Gran Bretagna.

"Cosa significa questa notizia? Le agenzie di intelligence, non importa se si chiamano BND, NSA, MI6, sono state create non solo per bere caffè e annaffiare i fiori. Un governo si lamenta dell'altro perchè probabilmente qualcuno è più furbo" — ha affermato Stefan H.

"Penso che l'intelligence russa abbia fatto queste cose e continui a farlo, ma non credo che gli inglesi o gli americani siano migliori o più onesti. Intervengono attivamente in tutto il mondo, dove possono trarre beneficio o impedire ad altre forze di ottenerlo", ha aggiunto l'utente Michail G.

In precedenza il ministero degli Esteri russo aveva definito le accuse delle autorità olandesi contro Mosca in merito al tentativo di condurre un cyber-attacco come "un'azione di propaganda orchestrata".

Correlati:

USA: gli hacker russi hanno agito dall’estero
USA pronti a sferrare attacchi informatici su richiesta della NATO
USA, accusati sette presunti militari russi di crimini informatici
Ministro Difesa olandese accusa Russia di attacco hacker contro OPAC
Tags:
hacker, Russofobia, Propaganda, Società, Occidente, cyber-attacco, cyber-spionaggio, Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche - OPAC, mass media, Servizi Segreti, Olanda, Gran Bretagna, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik