20:59 21 Ottobre 2018
Mar d'Azov, la guardia costiera ucraina

Marinai ucraini: “eravamo pronti a scontro durante attraversamento dello stretto di Kerch”

© AFP 2018 / Alexander Khudoteply
Mondo
URL abbreviato
6127

Il capitano di primo rango Dmitry Kovalenko, che ha guidato le navi ucraine Donbass e Korets nel mar d’Azov, in un'intervista con l'agenzia Ukrinform, ha detto che i marinai ucraini erano pronti ad uno scontro con le guardie di frontiera russe nel passaggio attraverso lo Stretto di Kerch.

Secondo Kovalenko la situazione era tesa e di conseguenza i marinai avevano preso le dovute precauzioni. "I gruppi di combattimento, i mitraglieri, erano tutti tesi" ha detto il capitano aggiungendo che "due persone armate erano state messe in bella vista affinché i russi le vedessero".

Secondo un marinaio ucraino, l'equipaggio avrebbe preparato delle "pompe antincendio", per "lavare via " le guardie di frontiera russe, "se fossero salite".

Secondo Kovalenko durante il passaggio egli ha volutamente violato le regole comunicando ai militari russi che la Korets "pianificava di entrare a 20 miglia nella zona per passare attraverso lo stretto di Kerch verso il mar di Azov", anche se, secondo le regole della navigazione, avrebbe dovuto dichiarare: "Chiedo di consentirci il passaggio".

In precedenza il rappresentante di Kiev nel Gruppo di contatto trilaterale Evgeny Marchuk ha dichiarato che i piloti di porto russi hanno "condotto le due imbarcazioni (Korets e Donbass) ucraine nel mar d'Azov e successivamente a Mariupol e fino a Berdyansk.

La dichiarazione di Marchuk contraddice gli annunci della Marina Militare Ucraina. Si osserva che le navi "non hanno chiesto il permesso al paese aggressore, e hanno attuato il loro diritto di libera navigazione nello stretto di Kerch e nel mar d'Azov" e che "il passaggio nello stretto di Kerch è avvenuto in una situazione difficile".

Le imbarcazioni A500 Donbass e A830 Korets il 22 settembre hanno navigato lungo le coste della Penisola di Crimea, compresa la Zona Economica Esclusiva della Russia. Il giorno dopo, le navi ucraine sotto il controllo della parte russa sono passate sotto il Ponte di Crimea.

Correlati:

Mosca mette in guardia l'Ucraina dalla revisione dell'accordo sul Mare d'Azov
Portale militare segnala 2 motovedette ucraine in direzione del Mare d'Azov
Media: Ucraina costruirà una base navale nel Mar d’Azov
Kiev ha piano per creare base militare nel Mare d'Azov entro fine anno
Tags:
Politica, scontri, scontri, Marina militare, Il Ministero della Difesa, Ucraina, Mare d'Azov
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik