20:58 21 Ottobre 2018
Polizia sta di fronte alla casa dell'ex 007 russo Sergei Skripal

Skripal si rifiutava di credere nel coinvolgimento della Russia nel suo avvelenamento

© AP Photo / Frank Augstein
Mondo
URL abbreviato
1120

L'ex colonnello della GRU Sergei Skripal, nel marzo di quest'anno, colpito insieme alla figlia dalla sostanza nervina "novichok", non credeva nel coinvolgimento di Mosca. Se ne parla nel libro "Il caso Skripal", scritto dal giornalista della BBC Mark Urban, riferisce The Guardian.

Il giornalista scrive che, uscito dal coma, Skripal rifiutava di credere, che dietro il tentato omicidio contro lui e sua figlia ci fosse il Cremlino. L'ex agente dei servizi segreti russi, nonostante trasmettesse le informazioni ai servizi di intelligence britannici, esprimeva apertamente opinioni nazionaliste, scrive Urban. In particolare, ha sostenuto il ritorno della Crimea alla Russia e non credeva nella presenza di militari russi in Ucraina orientale. Come osserva Urban, in una casa acquistata per lui dall'MI6, spesso passava le serate a guardare il "primo canale" russo. Il libro non dà una risposta alla domanda sul perché i servizi segreti russi (secondo la versione dell'indagine britannica), abbiano cercato di uccidere Skripal.

L'ex militare ha collaborato con i servizi segreti stranieri dopo il suo rilascio e il trasferimento nel Regno Unito nel 2010. Ha anche incontrato più volte il personale dei servizi di intelligence in Spagna e potrebbe aver fornito informazioni ai servizi segreti spagnoli sulla criminalità organizzata russa. Inoltre, probabilmente ha avuto contatti con i servizi segreti in Estonia e Repubblica Ceca. I viaggi a Tallinn nel 2016 e a Praga nel 2012 sono stati sanzionati dal servizio di intelligence estero britannico MI6.

L'ex spia probabilmente, è stata reclutata dalla Gran Bretagna, quando lavorava a Madrid a metà degli anni 1990 sotto la copertura di addetto militare presso l'ambasciata russa.

Correlati:

Media: Skripal aveva dato informazioni al MI6 britannico con l’uso d’inchiostro invisibile
Caso Skripal: “un contenitore con sostanze chimiche avrebbe destato sospetti alla dogana”
Il Cremlino non parlerà più con i media dell'avvelenamento di Skripal
Stampa britannica segnala nuovi sospetti nel caso Skripal
Tags:
libro, avvelenamento, Sergei Skripal, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik