21:10 21 Ottobre 2018
Sebastopoli, Crimea

Il Parlamento di Crimea commenta le parole di Klimkin sulle armi nucleari

© Sputnik . Vasiliy Batanov
Mondo
URL abbreviato
3150

Il vice-portavoce del Parlamento della Crimea Efim Fix, commentando le parole del ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin riguardo le armi nucleari nella penisola, ha invitato le autorità ucraine a smettere di speculare sul tema delle armi in Crimea e occuparsi delle questioni interne del loro paese.

In precedenza, Klimkin, in onda sul canale ATR, ha detto che la Russia potrebbe dispiegare armi nucleari o almeno, le loro infrastrutture nella penisola di Crimea. Secondo lui, la Russia ha trasformato la Crimea in una enorme base militare. Klimkin ha anche riferito che il Ministero degli Esteri dell'Ucraina prevede di preparare un progetto di risoluzione speciale per le Nazioni Unite sulla questione "militarizzazione della Crimea".

"Lasciate che Klimkin si occupi di cosa posizionano a Kiev o nel suo appartamento. Parliamo di cosa è posizionato in Crimea? La Crimea è territorio russo, c'è bisogno di garantire la sicurezza della Crimea. Lasciate che le autorità di Kiev smettano di speculare a riguardo, sono impegnate con le loro faccende e non è il caso che si impiccino di altro" ha detto.

Il vice ha sottolineato che le autorità di Kiev non sono interessate a rafforzare la sicurezza in Crimea, quindi diffondono speculazioni e voci su un presunto posizionamento di armi nucleari nella penisola.

La Crimea è diventata una regione russa dopo il referendum di marzo 2014, in cui il 96,77% degli elettori della Repubblica di Crimea e il 95,6% degli abitanti di Sebastopoli ha optato per l'ingresso nella Federazione Russa. Le autorità della Crimea hanno tenuto il referendum dopo il colpo di stato in Ucraina nel febbraio 2014. L'Ucraina ritiene la Crimea suo territorio "temporaneamente occupato". Le autorità della Federazione Russa hanno ripetutamente affermato che gli abitanti della Crimea democratica, in piena conformità con il diritto internazionale e la carta delle Nazioni Unite, hanno votato per la riunificazione con la Russia. Secondo il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, la questione della Crimea è "chiusa definitivamente".

Correlati:

Parlamento russo risponde alla "dichiarazione sulla Crimea" del Dipartimento di Stato USA
Deputato parlamento ucraino: ponte di Crimea diventerà "ucraino"
Parlamento russo risponde a critiche del Dipartimento di Stato USA sul ponte di Crimea
Tags:
Armi, dichiarazione, Parlamento, Pavel Klimkin, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik