14:03 22 Ottobre 2018
Petroliera

Mosca ha chiesto ufficialmente a Seoul di spiegare la situazione per la nave Sebastopoli

© REUTERS / Tim Chong/Files
Mondo
URL abbreviato
2132

I diplomatici russi hanno chiesto alle autorità sudcoreane di chiarire la situazione sulla nave russa Sebastopoli. Lo ha annunciato a Sputnik il rappresentante della società Hudson.

Successivamente, queste informazioni sono state confermate dal rappresentante del Ministero degli esteri di Vladivostok.

Il fermo della nave

Nel mese di agosto, il Ministero degli Esteri della Corea del Sud ha annunciato l'inizio del controllo della nave a Busan. C'è sospetto di violazione delle decisioni del Consiglio di Sicurezza ONU. Sabato, un rappresentante della Federazione Internazionale dei lavoratori dei trasporti Dell'Estremo Oriente, Petr Osichansky, ha riferito del fermo della nave. Secondo lui, questo può essere dovuto a sanzioni contro l'Hudson. Egli ha sottolineato che il fermo è un problema politico: l'amministrazione ha detto che per risolvere il problema, le autorità russe devono contattare il governo della Corea del Sud.

In precedenza, gli Stati Uniti hanno messo nella lista delle sanzioni della Corea del Nord due società russe e sei navi, tra cui la compagnia di navigazione Hudson e la nave Sebastopoli. Il Ministero delle finanze USA sostiene che rientrano nell'elenco di coloro che hanno partecipato a spedire prodotti petroliferi in Corea del Nord. Le forniture di petrolio greggio e prodotti petroliferi in Corea del Nord sono limitate dalla risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite 2379. La risoluzione è stata approvata lo scorso dicembre. Questa modalità di sanzioni è diventata la più dura della storia.

Correlati:

Come è avvenuta la sciagura della petroliera iraniana nel Mare Cinese Orientale?
Petroliera iraniana in fiamme presso coste cinesi potrebbe esplodere ed affondare
Arrivata ad Amburgo la petroliera rompighiaccio russa "Christophe de Margerie"
Tags:
Petrolio, nave, Corea del Sud, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik