15:47 15 Ottobre 2018
La bandiera dell'Albania

Referendum in Macedonia, Tirana esorta gli albanesi a votare per il “si”

© Sputnik . Илья Питалев
Mondo
URL abbreviato
5224

Il primo ministro albanese Edi Rama ha chiesto a tutti gli albanesi residenti in Macedonia di votare “si” al referendum per l'adesione alla NATO e all'UE. Lo riferisce l'agenzia di stampa statale albanese ATA.

"Domenica ogni albanese deve andare a votare per la Macedonia europea, per una Macedonia della nuova generazione di macedoni e albanesi come due popoli che hanno fondato questo paese… Ogni albanese (a Skopje) deve capire che se non vota per sostenere il referendum, tradirà la sua casa e la prossima generazione di macedoni e albanesi", ha detto Rama sabato sera in una conferenza stampa.

Secondo l'ultimo censimento, datato 2002, gli albanesi costituiscono il 25% della popolazione della Macedonia.

Domenica i cittadini della Macedonia sono chiamati alle urne per un referendum consultivo sul cambio dell'attuale nome in Repubblica della Macedonia Settentrionale, secondo l'accordo con la Grecia finalizzato all'ingresso nella NATO e nell'UE.

Lo scorso 17 giugno il governo greco ha firmato un accordo con la Macedonia che risolve una controversia di vecchia data sul nome del paese e apre a Skopje la via verso la NATO e l'UE.

La domanda per il referendum è così formulata: "Sostieni l'adesione all'UE e alla NATO con l'adozione di un trattato tra la Repubblica di Macedonia e la Repubblica Greca?". Una parte significativa della popolazione macedone, secondo gli analisti, è incline a boicottare il referendum.

Prima del referendum, Skopje è stata visitata da molti politici occidentali di alto rango che hanno chiesto di votare per il "si".    

Correlati:

Gli USA affrontano la disinformazione russa in Macedonia
Iniziati ufficialmente i negoziati sull'adesione della Macedonia alla NATO
L'invito nella NATO: festeggia la Macedonia settentrionale, protesta la Macedonia
Tags:
Adesione, si, Referendum, NATO, Edi Rama, UE, Albania, Macedonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik