02:31 19 Ottobre 2018
DNA

Spotify adesso genera playlist basate sul DNA dell’utente

CC0
Mondo
URL abbreviato
0 13

Il servizio musicale Spotify ha stretto un accordo con Ancestry e ora può generare playlist in base alle informazioni del DNA dell’utilizzatore.

Questa settimana il database genealogico Ancestry ha annunciato di aver stretto un accordo con il servizio di streaming musicale Spotify in modo che suoi clienti possono ottenere una playlist "ispirata alla storia delle loro origini".

Tutto solleva preoccupazioni su quanto le persone in modo insensato possano disporre delle proprie informazioni genetiche. Ad esempio, uno studio di ThinkProgressive ha mostrato che Ancestry toglie per sempre i diritti alle informazioni sul genoma e che le persone, come al solito, non leggono i termini dell'accordo.

"Proteggere la privacy dei nostri clienti è la massima priorità di Ancestry. Spotify non avrà accesso ai dati del DNA di alcun cliente della nostra azienda. I clienti possono includere manualmente le regioni nel generatore di playlist, dopo di che le playlist verranno create da musicisti di diverse regioni e da diversi generi musicali. Tutto questo è completamente opzionale e viene introdotto manualmente dagli utenti", afferma Gina Spathafore, portavoce dell'azienda.    

Correlati:

“L'internet socialista”: come in Cile hanno creato l'utopia cibernetica (e poi distrutto)
La Russia è il 2° Paese per download illegali su internet
Scienziati italiani: come internet influenza la qualità del sonno
Tags:
playlist, dna, streaming, musica
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik