14:24 15 Ottobre 2018
Benjamin Netanyahu

Netanyahu: “l’abbattimento dell’Il-20 avrebbe potuto avere conseguenze peggiori”

© AP Photo/ DEBBIE HILL
Mondo
URL abbreviato
6123

L'abbattimento dell'Il-20 russo sul Mediterraneo, avrebbe potuto portare a "conseguenze più gravi", ha detto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Radio Kan, radio nazionale Israeliana, riporta le sue parole. Netanyahu non ha specificato cosa intendesse esattamente con queste parole.

Il primo ministro ha anche osservato che il paese continuerà ad opporsi al rafforzamento della presenza militare iraniana in Siria e progetta di mantenere un dialogo con Mosca.

Lunedì scorso, 17 settembre uno dei sistemi missilistici siriani S-200 ha abbattuto un aereo da ricognizione russo Il-20, mentre volava verso la base di Khmeymim base. Allo stesso tempo, quattro F-16 israeliani hanno attaccato obiettivi siriani a Latakia.

Il-20
© Sputnik . Alexandr Tarasenkov

Secondo il Ministero della Difesa i piloti israeliani hanno incastrato l'aereo russo sotto il fuoco della difesa aerea siriana. Quindici soldati russi sono morti. Allo stesso tempo, Israele non ha avvertito il comando russo circa l'operazione prevista. Il Ministro della Difesa Sergei Shoigu ha affermato che la responsabilità per l'accaduto ricade interamente sul lato israeliano.

Inoltre, nel quadro delle misure volte a migliorare la sicurezza dei militari russi Mosca entro due settimane fornirà i sistemi missilistici antiaerei S-300 a Damasco.

A sua volta, Israele ha negato le accuse addossando la responsabilità interamente su Siria e Iran.

Correlati:

Come i caccia israeliani hanno fatto colpire l'aereo militare russo Il-20 in Siria
Ministero Difesa russo ha dati "inconfutabili" sullo schianto dell'IL-20 in Siria
Incidente IL-20 in Siria, Mosca commenta dichiarazioni del ministro della Difesa d'Israele
Ministero Difesa russo accusa Israele del disastro dell’Il-20
Tags:
guerra, il-20, Guerra, Il Ministero della Difesa, Sergey Shoygu, Benjamin Netanyahu, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik