09:37 18 Ottobre 2018
Navi della Marina ucraina nello stretto di Kerch

Navi ucraine chiedono “aiuto” ai russi per attraversare stretto di Kerch (VIDEO)

© Foto : Courtesy of eyewitness
Mondo
URL abbreviato
4233

A bordo delle imbarcazioni Donbass e Korez della Marina ucraina durante il loro passaggio attraverso lo stretto di Kerch sono saliti dei piloti nautici russi. Lo ha dichiarato in una intervista con 112 Ukraina il rappresentante di Kiev nel gruppo di contatto trilaterale, il generale Evgeny Marchuk.

Ha riconosciuto che per il passaggio attraverso lo stretto di Kerch le navi hanno richiesto l'assistenza dei piloti nautici di Kerch, sebbene qualsiasi interazione con le istituzioni ufficiali della Crimea, a detta sua, è proibita dalla legge ucraina sui territori "occupati".

Allo stesso tempo ha osservato che le navi Donbass e Korez non sono navi da combattimento ma ausiliarie, di conseguenza hanno potuto prendere a bordo dei piloti nautici russi. I piloti secondo le parole del generale "hanno condotto tranquillamente le due imbarcazioni nel mar d'Azov per poi andare a Mariupol e successivamente fino a Berdyansk".

La dichiarazione di Marchuk contraddice quanto precedentemente riportato dalla marina ucraina. Era stato dichiarato che le navi "non avevabi chiesto il permesso al paese aggressore, e che avevano realizzato il loro diritto alla libera navigazione dallo stretto di Kerch e dal mare di Azov", e che "la navigazione attraverso stretto di Kerch è avvenuto in una situazione difficile".

La nave A500 Donbass e il rimorchiatore A830 Korets sabato hanno navigato lungo la costa della penisola, inclusa la zona economica esclusiva della Russia. Domenica pomeriggio, le navi ucraine sotto il controllo della parte russa sono passate sotto il ponte di Crimea.

La situazione nel Mar d'Azov si è inasprita alla fine di marzo, quando le guardie di frontiera ucraine hanno sequestrato la nave da pesca russa "Nord". Successivamente, la Russia ha rafforzato le sue misure di sicurezza, in particolare reso più severa l'ispezione delle navi che si recano nei porti ucraini attraverso lo stretto di Kerch.

Ora Kiev si lamenta costantemente di questi controlli, e accusa anche la Russia di ostacolare la navigazione nel Mar d'Azov. Mosca, da parte sua, ha osservato che le ispezioni sono condotte in conformità con il diritto marittimo internazionale e che gli armatori non hanno avanzato alcuna richiesta in merito.

Più tardi, a Kiev ha annunciato l'intenzione di rafforzare la propria presenza nella regione. È stato avviata una ridistribuzione di truppe nella regione e la costruzione di una base navale entro la fine dell'anno. La necessità di creare una base di questo tipo da parte di molti esperti viene messa in discussione.

Allo stesso tempo, il comando della marina ucraina ha riconosciuto che non è in grado di raggiungere la parità militare con la Russia in questa regione.

Correlati:

Kiev segnala provocazioni russe contro le navi militari ucraine nello stretto di Kerch
Le navi della marina militare ucraina hanno attraversato lo stretto di Kerch
30 russi hanno attraversato a nuoto lo stretto di Kerch
Tags:
Diplomazia Internazionale, Navi, navi, Marina militare, Crimea, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik