14:22 22 Ottobre 2018
Idlib, Siria

Media: zona demilitarizzata a Idlib è simbolo della vittoria russa in Siria

© Sputnik . Iliya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
2141

L’istituzione di una zona smilitarizzata a Idlib voluta da Mosca e Ankara è il simbolo della vittoria della Russia in Siria. Lo afferma Patrick Koubern sul quotidiano britannico Independent.

L'autore sottolinea che la Russia è sempre stata più forte di quanto sembrava, perché anche dopo il crollo dell'URSS ha continuato ad essere una potenza nucleare, "capace di distruggere il mondo". Egli sostiene altresì che la restaurazione del suo status di grande potenza è sempre stato inevitabile, ed è stato solo accelerato dalla necessità di Mosca di difendere i propri interessi dagli stupidi errori degli avversari.

L'accordo tra Russia e Turchia sul futuro di Idlib, osserva Koubern, è il "simbolo di quanto Mosca è balzata in avanti rispetto agli altri in Siria".

Secondo il giornalista, l'accordo di smilitarizzazione da' alla Turchia relativa libertà di espandere la propria presenza militare nel nord della Siria, ma Ankara può farlo solo con l'approvazione di Mosca.

Lunedì a Sochi il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan hanno concordato la creazione, entro il 15 ottobre, di una zona smilitarizzata lungo la linea di contatto tra le forze di opposizione e di governo nella provincia di Idlib, e i ministeri della Difesa dei due paesi hanno firmato un memorandum sulla stabilizzazione della situazione nell'area di de-escalation di Idlib. Più tardi, in una riunione ad Ankara dal 19 al 21 settembre, i militari turchi e russi hanno determinato i confini della zona smilitarizzata.

Correlati:

Presunto VIDEO della messa in scena di un attacco chimico a Idlib appare nella rete
Politico siriano: tutto il mondo appoggerà l’accordo su Idlib
Merkel: bene gli accordi di Russia e Turchia per Idlib
Tags:
Media, Vittoria, Situazione in Siria, Recep Erdogan, Vladimir Putin, Siria, Turchia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik