09:39 23 Ottobre 2018
Bandiere degli USA e Cina

Gli errori americani avvicinano sempre più la Cina alla Russia

© AP Photo / Andy Wong
Mondo
URL abbreviato
3120

La Cina chiede che gli Stati Uniti revochino le sanzioni imposte al generale cinese per l'acquisto degli S-400 e dei Su-35 dalla Russia. Nel tentativo di punire Mosca, Washington continua a fare, in realtà, l'esatto opposto: rafforzare l'alleanza russo-cinese.

Il principale fronte dello scontro geopolitico tra Cina e Stati Uniti è la recente guerra commerciale e tariffaria. Ma ora l'America sta aprendo un nuovo fronte: quello delle sanzioni.Usando il Countering America's Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA), adottata un anno fa per sanzionare le azioni "che minacciano la sicurezza nazionale degli Stati Uniti", Washington ha colpito Pechino.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha imposto sanzioni contro il Dipartimento per la formazione e l'approvvigionamento della Commissione militare centrale della Cina e il suo capo, il tenente generale Li Shanfu, per l'acquisto dei caccia Su-35 e dei sistemi missilistici S-400 russi. Le sanzioni consistono nel congelare i beni del dipartimento e del suo capo in caso di rilevamento negli Stati Uniti, il divieto di rilascio dei visti di ingresso e il rifiuto di esportare attrezzature militari statunitensi.La legge consente l'introduzione di sanzioni secondarie nei confronti di paesi terzi, ad esempio quelli che acquistano armi russe, ma non sono mai stati utilizzati.

"Lo scopo delle sanzioni è fare pressione sulla Russia, in risposta alle sue azioni maligne… Si può essere certi che abbiamo speso un'enorme quantità di tempo in diversi paesi in tutto il mondo per discutere le prospettive dell'acquisto dei sistemi S-400 prospettive e degli aerei Sukhoy con coloro che hanno mostrato di esserne interessati. Abbiamo spiegato chiaramente loro che tali sistemi come l'S-400 ci turbano particolarmente e potrebbero causare l'applicazione del CAATSA", ha detto un anonimo funzionario americano citato da diverse agenzie occidentali.

Infatti, negli ultimi mesi, gli americani hanno fatto pesanti pressioni su quei paesi che compreranno l'S-400. Ad esempio, laTurchia e l'India. Il contratto con quest'ultimo dovrebbe essere firmato già all'inizio di ottobre durante la visita di Vladimir Putin a Delhi.

La Cina ha reagito molto bruscamente. Il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang ha chiesto "di correggere l'errore" o "di affrontare le conseguenze del rifiuto".

"La parte cinese esprime la sua estrema indignazione… Le azioni della parte americana hanno gravemente violato i principi base delle relazioni internazionali".

Le sanzioni minano il rapporto tra le forze cinesi e statunitensi, ha affermato il portavoce cinese."Continueremo a lavorare con la parte russa per attuare il consenso raggiunto dai leader dei due paesi, e aumenteremo l'interazione strategica tra i due paesi ad un nuovo livello".

Sorprende che gli Stati Uniti fanno le cose che assolutamente non raccomando i propri pensatori strategici (come Henry Kissinger) che insistono sul fatto che l'America ha bisogno di lottare per evitare di cementare l'alleanza sino-russa.    

Correlati:

La Cina rinuncia a nuove consultazioni su questioni commerciali con gli USA
In Russia si commenta l'appello della Cina agli USA per togliere le sanzioni
Ultimatum di Trump. In Cina la Russia prende il posto degli USA
Tags:
politica, alleanza, Cooperazione, Sanzioni, Russia, Cina, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik