09:50 23 Ottobre 2018
Cervello

Il cervello umano è programmato per la pigrizia

© Depositphotos / Andreus
Mondo
URL abbreviato
242

Il nostro cervello è programmato per la pigrizia: cerca di evitare l'attività fisica e preferisce che il corpo rimanga in modalità di riposo. I ricercatori hanno studiato come cambia l'attività cerebrale nella scelta di alcune attività. Il lavoro è pubblicato sulla rivista Neuropsychologia.

Secondo gli autori del nuovo studio, sempre meno persone fanno qualunque tipo di sport e, in generale, si preoccupano dell'attività fisica, nonostante i benefici di uno stile di vita attivo. Questo effetto ha spinto i ricercatori a studiare come il cervello reagisce all'attività fisica. Di conseguenza, si è scoperto che la riluttanza a caricare il corpo è "programmata" nel nostro cervello.

Per il loro esperimento, gli scienziati hanno invitato 29 giovani di età compresa tra 19 e 25 anni. I partecipanti erano di fronte al monitor del computer in cui in ordine casuale apparivano immagini raffiguranti l'attività fisica o di riposo. I volontari hanno determinato una figura stilizzata, da spostare sullo schermo. A seconda del lavoro, i partecipanti dovevano spostare il più rapidamente possibile l'uomo verso l'immagine con l'attività fisica, evitando le immagini che simboleggiano il riposo, o viceversa. Durante l'intero esperimento, gli scienziati hanno controllato l'attività cerebrale dei partecipanti con l'aiuto di un elettroencefalogramma.

Il risultato dell'esperimento è stato che in media, i partecipanti più velocemente  spostavano l'uomo sulle immagini con l'attività fisica. Tuttavia, l'encefalogramma ha mostrato che il cervello a malincuore rinunciava alle immagini di riposo. Gli autori interpretano questo risultato come un desiderio programmato del nostro cervello per riposare.

Correlati:

Fancy Bears: Mclaren esegue l'ordine delle autorità canadesi per indebolire lo sport russo
Sport, Iaaf include 8 russi in lista atleti neutrali
Sport, attesa per decisione Federazione internazionale su 90 atleti russi
Tags:
sport, cervello, sport, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik