08:42 18 Ottobre 2018
La terra vista dallo spazio

Russia, adottato standard nazionale per la riduzione dell’inquinamento spaziale

© Foto: Roscosmos
Mondo
URL abbreviato
0 11

Rosstandart ha approvato uno standard nazionale per la limitazione dell'inquinamento dello spazio provocato dall'uomo. Lo riferisce il sito web dell'agenzia.

"Il nuovo standard sostituisce il documento analogo del 2008 Lo scopo della revisione è l'armonizzazione delle norme nazionali con le normative internazionali, che esprimono le migliore pratiche a livello globale per ridurre l'inquinamento spaziale", si legge nel comunicato.

Il nuovo standard si applica agli apparati spaziali scientifici, economici, commerciali e difensivi nuovi e modernizzati.Il documento è stato preparato nel quadro dell'attuazione dei principi guida del comitato delle Nazioni Unite sullo spazio e dell'Inter-Agency Space Debris Coordination Committee (IADC).

Secondo la NASA, circa 19.000 oggetti artificiali si trovano nell'orbita vicino alla Terra.Il catalogo del sistema di monitoraggio russo dello spazio di catalogo conta 13.000 oggetti artificiali, di cui 7000 più grandi di 20 centimetri nell'orbita terrestre bassa (da 160 a 2 mila chilometri) e 6000 di 20-40 centimetri ad un'altitudine da 2 mila a 50 mila chilometri.

Nel 2016, gli scienziati dello TsNIImash sono giunti alla conclusione che se non si affronta il problema dei rifiuti spaziali tra 100-200 anni potrebbe arrestarti lo sviluppo delle attività spaziali.

Nel febbraio 2009 si è verificata la collisione tra il satellite militare sovietico "Cosmos-2251" e l'apparato di telecomunicazioni americano Iridium 33. Essa ha generato quasi 2000 frammenti. Tale spazzatura rappresentava una costante minaccia per la Stazione Spaziale Internazionale.    

Correlati:

SpaceX potrebbe unirsi alla corsa alla militarizzazione dello spazio
Il mondo sull'orlo di una militarizzazione dello spazio?
Il capo del Pentagono definisce lo spazio il nuovo teatro delle operazioni militari
Tags:
spazio, inquinamento, standard, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik