10:05 16 Ottobre 2018
Un paesaggio nel sud della Russia

Perché gli uomini hanno più orientamento nello spazio delle donne

© Foto : Stefano Medvedich
Mondo
URL abbreviato
307

Gli scienziati dell'Università di Londra ritengono che la differenza stia nella discriminazione di genere e nelle uguali opportunità, più che nelle abilità innate.

Nel corso di un nuovo studio, hanno condotto un esperimento, che ha visto la partecipazione di oltre mezzo milione di persone in 57 paesi. Tutti hanno fatto un gioco per computer Sea Hero Quest, sviluppato da Glitchers. In questo viaggio il giocatore deve salvare i ricordi di un vecchio marinaio. L'uomo compie un percorso su isole disabitate e iceberg di ghiaccio. Durante il gioco, il programma speciale ha valutato anonimamente la capacità di navigare nello spazio e le capacità di navigazione di ogni volontario.

Il risultato dello studio suggerisce che gli uomini "hanno più efficienza di navigazione" delle donne. Ma perchè? L'autore principale del lavoro, il professor Hugo Spires, ritiene di aver trovato la risposta analizzando i dati dell'indice di disuguaglianza di genere in una versione del World Economic Forum, che esamina gli indicatori dei paesi in vari campi dall'istruzione e dalla salute nei posti di lavoro e politica.

Secondo Spiers, le capacità di navigazione delle persone dipende dal paese in cui sono nate. E qui ci sono due aspetti contemporaneamente da analizzare. Il primo è socio-culturale, associato all'uguaglianza di genere (o alla disuguaglianza). Così, nel corso della ricerca è emerso che nei paesi dove c'è un alto livello di uguaglianza tra uomini e donne, la differenza la navigazione spaziale è molto piccola (ad esempio, in Danimarca, Finlandia, Norvegia). Allo stesso tempo, i paesi in cui le donne sono ancora sottovalutate mostrano predominanza gli uomini in questo settore.

Il secondo fattore è socio-economico. Gli scienziati hanno scoperto che nei paesi più sviluppati, le persone si orientano meglio nello spazio.

Gli autori ritengono che un ruolo importante nello sviluppo "dell'orientamento", lo giochi lo stile di vita, livello di istruzione, e le opportunità di finanziamento e gli interessi delle persone. Da questi ultimi due fattori dipende quanto un soggetto sia interessato allo sport e così via. Per esempio, gli abitanti dei paesi sviluppati fanno più sport acquatici, per esempio, il nuoto o vela (nella stessa Norvegia e Danimarca). D'altra parte, in Canada, Stati Uniti e Australia c'è il più grande numero di piloti, e la gestione della vettura sviluppa anche capacità di orientamento spaziale, spiegano gli esperti.

È stato anche osservato che le capacità di navigazione delle persone diminuiscono a partire dall'adolescenza(quando vengono registrati i massimi). La stessa squadra con il gioco Sea Hero Quest ha studiato la natura della demenza e demenza senile. Come è noto, il disorientamento spazio è uno dei primi sintomi di tali malattie, tuttavia, i metodi di diagnosi non tengono conto di questo sintomo.

Gli esperti hanno intenzione di determinare se il rilevamento è un rapido deterioramento di orientamento, della capacità di aiutare a identificare la demenza nelle fasi iniziali, ma anche di sviluppare una versione speciale del gioco, che servirà come un nuovo strumento diagnostico. "I dati ottenuti dalla Sea Hero Quest ci danno uno standard senza precedenti di quali dovrebbero essere le capacità di navigazione di una persona a seconda dell'età, della residenza e di altri fattori. Questo è solo l'inizio di ciò che possiamo imparare da questa analisi", ha dichiarato Tim Parry, Capo dell'Alzheimer's Research UK. L'articolo con una descrizione più dettagliata su larga scala della ricerca e dei suoi risultati, è stato pubblicato sulla rivista Current Biology.

 

Correlati:

L'ultra maratoneta Venturini alla scoperta della Siberia
Sventato il “colpo del secolo”: scoperta formica mentre ruba un diamante (VIDEO)
Egitto, scoperta civiltà più antica delle piramidi
Tags:
ricerca scientifica, ricerca, scoperta, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik