12:29 19 Settembre 2018
Alexander Petrov and Ruslan Boshirov, who were formally accused of attempting to murder former Russian spy Sergei Skripal and his daughter Yulia in Salisbury, are seen on CCTV on Fisherton Road in Salisbury on March 4, 2018 in an image handed out by the Metropolitan Police in London, Britain September 5, 2018

Governo britannico: l'intervista ai "sospetti" del caso Skripal è una bugia

© REUTERS / Metroplitan Police
Mondo
URL abbreviato
418

Il ministero degli Esteri del Regno Unito ritiene l'intervista agli indagati del caso Skripal un altro esempio di "offuscamento e bugie da parte della Russia".

"Per il governo è ovvio che queste persone sono agenti dell'intelligence militare, GRU, e che hanno usato un'arma estremamente tossica e illegale nelle strade del nostro paese", ha dichiarato a Sputnik il portavoce del dipartimento.

In una conversazione con la caporedattrice di Sputnik e RT Margarita Simonyan, Alexander Petrov e Ruslan Bashirov hanno detto che hanno visitato Salisbury da turisti, non sapevano di Skripal e lavorano nel settore del fitness. Gli uomini hanno detto che non possedevano sostanze tossiche e non sapevano nemmeno dove si trova a Salisbury la casa di Skripal.

Caso Skripal

Il quattro marzo a Salisbury sono stati avvelenati l'ex agente della GRU Sergei Skripal e sua figlia Yulia, questo ha provocato un grande scandalo internazionale. A Londra hanno dichiarato che il responsabile è la Federazione russa, Mosca smentisce categoricamente.

La Russia più volte ha offerto di condurre un'indagine congiunta sull'incidente, tuttavia, Londra ha ignorato l'iniziativa e ha negato l'accesso. Il ministero degli Esteri ha tacciato la premier Theresa May di bugia. Lei ha affermato che il veleno è prodotto in Russia. Tuttavia, nel laboratorio di Porton Down lo hanno smentito.

All'inizio di settembre, Londra ha presentato le foto di due "sospetti dell'avvelenamento degli Skripal", sostenendo che si tratta di due agenti della GRU.  A Mosca, hanno dichiarato che questi nomi in Russia "non dicono nulla" e ancora una volta hanno chiesto alla Gran Bretagna di passare dalle accuse e manipolazione alla cooperazione.

Mercoledì Vladimir Putin ha detto che le autorità russe hanno trovato i due uomini che la procura ritiene responsabili dell'incidente a Salisbury. Ha esortato entrambi gli uomini a contattare i media e"raccontare tutto". Putin ha anche sottolineato che nel loro passato "non c'è niente di criminale".

Correlati:

Deputato russo commenta posizione degli USA sul caso Skripal
Putin sui sospetti del caso Skripal: sappiamo chi sono, li abbiamo trovati
Caso Skripal: sospettati russi svelano cosa fanno nella vita a caporedattrice Sputnik
Tags:
avvelenamento, Sergei Skripal, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik