21:34 19 Settembre 2018
Bosforo

A Kiev proposta per bloccare le navi russe nel Bosforo con l'aiuto della NATO

© Foto: turkstream.info
Mondo
URL abbreviato
11224

Kiev può chiedere ai Paesi della NATO di fermare le navi russe nel Bosforo, ha dichiarato il presidente della commissione Esteri del Parlamento Anna Gopko sulla tv locale.

Secondo la deputata, in questo modo Kiev può dimostrare di poter rispondere a Mosca con l'aiuto dei suoi partner per le azioni delle autorità russe presso il confine nel Mare d'Azov.

"Serve ragionare economicamente: cosa fare se il blocco continuerà. Forse occorre chiedere ai Paesi della NATO di controllare le navi russe che attraversano il Bosforo verso il Mar Nero. Perché non le fermano per 10-20 giorni o 1 mese, come fanno loro con le nostre e le navi straniere?", ha dichiarato la deputata.

In precedenza il vice ministro per i Territori Temporaneamente Occupati e gli Sfollati Interni Georgy Tuka aveva chiesto di coinvolgere le forze navali della NATO per scortare le navi nel Mare d'Azov. Aveva inoltre paventato la possibilità di sollevare la questione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

L'Ucraina accusa la Russia di fermare le navi dirette nei porti ucraini sulla costa del Mare d'Azov attraverso lo Stretto di Kerch: per questo motivo le navi non riescono ad implementare le loro attività ed i loro proprietari accusano perdite.

Le guardie di frontiera della Crimea hanno riferito che tutti i controlli vengono effettuati conformemente al diritto internazionale del mare e non si registrano lamentele da parte degli armatori.

Correlati:

La Russia impedirà la militarizzazione del Mare d'Azov
Media ucraini comunicano trasferimento navi corazzate in Mar d’Azov
Terrorismo “marittimo”: la situazione nel mare d’Azov
Klimkin: l'Ucraina "resisterà" alla Russia nel Mar d'Azov
Kiev vuole la scorta NATO per le sue navi nel mar d'Azov
Tags:
Economia, Trasporto, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, NATO, Mar Nero, Mare d'Azov, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik