21:27 12 Novembre 2018
Bandiere degli USA e di Cuba

USA prorogano di un anno embargo commerciale contro Cuba

© REUTERS / Enrique De La Osa
Mondo
URL abbreviato
5215

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un decreto per prorogare di un anno l'embargo commerciale del 1962 contro Cuba, ha comunicato la Casa Bianca lunedì.

Secondo il decreto, questo rimane tra gli interessi nazionali degli Stati Uniti. Il precedente termine dell'embargo avrebbe dovuto concludersi il 14 settembre 2018.

Gli Stati Uniti e Cuba hanno annunciato alla fine del 2014 che avrebbero iniziato a lavorare sulla graduale normalizzazione delle relazioni. A luglio 2015, i paesi hanno ripristinato le relazioni diplomatiche. Successivamente, le parti hanno firmato una serie di accordi bilaterali, sebbene l'embargo commerciale contro Cuba, introdotto dal Congresso degli Stati Uniti, non sia mai stato abolito.

Tuttavia, nel mese di giugno 2017, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato la cancellazione della politica "erronea" del suo predecessore di normalizzazione delle relazioni con l'Avana. La Casa Bianca ha osservato che gli Stati Uniti mantengono l'embargo imposto a Cuba e si oppongono alle richieste delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni internazionali di annullarlo.

Il Ministero degli Esteri cubano ha anche condannato l'espulsione di un nutrito gruppo di diplomatici dell'ambasciata a Washington, sostenendo che si tratterebbe di un duro colpo al lavoro della missione diplomatica cubana, e la decisione di annullare la visita delle delegazioni ufficiali degli Stati Uniti a Cuba.

Correlati:

Cuba presenta all’ONU progetto di risoluzione per fine embargo USA
Cuba solidarizza con Palestina e critica USA per trasferimento Ambasciata a Gerusalemme
USA preoccupati per il cambio di potere a Cuba
Independent: crescita commercio con Cuba aumenta influenza della Russia vicino agli USA
Tags:
Politica Internazionale, Embargo, embargo, il ministero degli Esteri, ONU, Donald Trump, Cuba, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik