10:34 19 Settembre 2018
F-16 e F-35 dell'aviazione USA (foto d'archivio)

Per il Wall Street Journal “Trump non ha escluso di bombardare le forze russe in Siria”

CC0 / US Air Force
Mondo
URL abbreviato
23247

Il presidente Donald Trump sta valutando se le forze statunitensi potrebbero colpire anche le posizioni dei militari russi ed iraniani in Siria in caso di attacco contro le forze governative siriane.

Lo scrive il Wall Street Journal, citando anonimi funzionari nell'amministrazione americana.

Le fonti del giornale hanno rivelato che il presidente siriano Bashar Assad "ha approvato l'uso di cloro nella battaglia definitiva contro l'ultima grande roccaforte dei ribelli nel Paese", come viene considerata la provincia di Idlib. L'uso di armi chimiche potrebbe provocare i bombardamenti di rappresaglia delle forze statunitensi, aggiunge la pubblicazione.

"Il Pentagono sta elaborando uno scenario militare, ma Trump non ha ancora deciso cosa verrà considerato come pretesto per una risposta militare e se gli Stati Uniti attaccheranno anche le forze iraniane ed i militari russi che aiutano Assad in Siria," — scrive il giornale citando anonimi funzionari dell'amministrazione americana.

Le fonti non hanno potuto confermare al giornale che gli Stati Uniti avrebbero fatto ricorso ai raid aerei contro la Siria in caso di attacco con armi chimiche. Secondo il giornale, al posto di una risposta militare Washington potrebbe ricorrere a sanzioni economiche mirate contro gli esponenti del regime siriano.

"Non abbiamo detto che gli Stati Uniti avrebbero usato la forza militare come risposta all'attacco. A nostra disposizione ci sono strumenti politici, economici ed abbiamo diverse risposte se Assad intraprenderà questa mossa pericolosa," — ha detto una fonte di alto livello alla Casa Bianca.

Il ministero della Difesa russo in precedenza aveva avvertito che in Siria erano in corso i preparativi di una provocazione con armi chimiche da sfruttare come pretesto per gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia per attaccare le forze fedeli al presidente Assad. Precedentemente questi tre Paesi avevano bombardato le forze governative siriane in risposta al presunto uso di armi chimiche.

Correlati:

“L'Occidente spinge la Russia verso una nuova spirale di sanzioni”
Amministrazione USA notifica ai palestinesi chiusura sede diplomatica a Washington
Bild: la Germania potrebbe unirsi ai raid USA in Siria
La Francia minaccia ancora Damasco
Effettuati da caccia USA raid in Siria con armi proibite al fosforo
Putin annuncia preparazione di provocazione a Idlib
Tags:
Politica Internazionale, Occidente, Guerra, Geopolitica, Difesa, Sicurezza, crisi in Siria, Bombardamenti in Siria, Esercito della Siria, esercito USA, Esercito russo, Wall Street Journal, Donald Trump, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik