16:14 11 Dicembre 2018
Ransomware attacks global IT systems

Scoperto lo schema del colpevole che ha infettato computer in tutto il mondo

© Sputnik . Kirill Kallinikov
Mondo
URL abbreviato
204

Il governo USA ha reso noti i dati della sua indagine nei confronti dell'hacker Pack Gin Keck, responsabile della diffusione del virus WannaCry nel 2017. Di questo riferisce Bloomberg.

Si dice che le tracce dei crimini informatici Keck siano riusciti a scoprirli dal suo account di servizi di posta elettronica gratuiti. Ad esempio, la posta su Gmail l'ha usata per normali attività quotidiane, per gli attacchi di phishing e altri reati in rete. Le autorità americane hanno denunciato il cittadino della Corea del Nord. Si presume che possa essere un membro del raggruppamento di Lazarus. "Il livello e la scala di crimini informatici sono da capogiro e hanno colpito tutti coloro che rispettano lo stato di diritto e le norme adottate dagli stati", ha dichiarato l'assistente del procuratore generale del Dipartimento per la sicurezza nazionale John Demers.

In precedenza, il ministero del Tesoro USA ha introdotto sanzioni contro Keck e la società Chosun Expo Joint Venture, di cui era dipendente.

Il governo lo ritiene colpevole non solo nella diffusione di WannaCry, ma di un attacco informatico alle infrastrutture della Sony nel 2014. I funzionari suggeriscono che Kek è associato alla Corea del Nord.L'attacco alla Sony Pictures ha portato al furto di alcuni film, tra cui "l'intervista", in cui si racconta una storia inventata di giornalisti che uccidono il dittatore Kim Jong-un. Il virus ransomware WannaCry ha colpito i computer di tutto il mondo nel 2017. Ha colpito non solo i dispositivi di normali utenti, ma ha colpito anche le imprese di proprietà statale e di business.

Correlati:

Rouhani avverte Corea del Nord: Stati Uniti sono inaffidabili
Corea del Nord nella morsa del caldo e della siccità. L’ONU correrà in aiuto
Vacanze in... Corea del Nord
Tags:
hacker, hacker, USA, Corea del Nord
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik