08:36 11 Dicembre 2018
Tsunami

In Alaska registrato uno tsunami di 200 metri

CC BY 2.0 / Petra Bensted / Tsunami
Mondo
URL abbreviato
0 910

Lo scioglimento dei ghiacciai sul pianeta può causare giganteschi tsunami alti centinaia di metri, hanno scoperto gli scienziati americani dell'università di Washington a Tacoma.

Tali tsunami possono essere un pericolo al largo della costa della Groenlandia, della Patagonia e della Norvegia, e un simile tsunami, rimasto inosservato, risale al 2015.In quell'anno, una enorme frana è arrivata al mare,  causata dallo scioglimento del ghiacciaio Tyndall, questo ha causato un enorme tsunami di quasi duecento metri, sulla costa del fiordo Taan in Alaska.

Poiché questa costa è disabitata, l'incidente non ha provocato vittime umane ed è rimasto quasi inosservato. "Perché i ghiacciai si distruggono in tutto il mondo, cambiano il paesaggio circostante. Nel caso del fiordo il risultato è stato un enorme tsunami", ha spiegato Dan Sugar, co-autore dello studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

Hanno individuato le tracce dello tsunami attraverso la ricerca di residui di alberi, terra e pietre sulla riva, dove lo tsunami si è abbattuto. Secondo gli esperti, la massa di pietra della frana è di 180 milioni di tonnellate, è il quarto più grande tsunami, negli ultimi cento anni in tutto il mondo.

Correlati:

Il ghiacciaio più grande delle Alpi
Artico, quella del calabrone dei ghiacciai è la scoperta più misteriosa della regione
Climatologi: l'Antartide potrebbe vedere lo scioglimento di due grandi ghiacciai
Tags:
Cambiamenti climatici, cambiamenti climatici, tsunami, Alaska
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik