05:35 19 Settembre 2018
La bandiera della Francia

Francia: vegani radicali all'attenzione dei servizi segreti

© REUTERS / Christophe Petit Tesson/Pool
Mondo
URL abbreviato
451

A causa della crescente incidenza di attacchi di attivisti vegani alle macellerie, i macellai francesi hanno chiesto la protezione della polizia e dei servizi segreti che hanno sotto osservazione i più radicali rappresentanti del movimento.

Gli esperti interpellati da Sputnik, ritengono che elementi potenzialmente pericolosi sono almeno diverse centinaia di persone. I difensori dei diritti degli animali protestano contro l'eccesso di provvedimenti di polizia.

Eric Denece, direttore del Centro francese di ricerca nel campo dell'intelligence, il CF2R, autore del libro "Ecoterrorismo, Antiglobalismo, animalismo: dalla protesta alla violenza", dice che gli "attivisti sono aderenti ad inconciliabili posizioni, non sono così facili da riconoscere. Probabilmente, sono alcune decine o centinaia di persone". 

Questi attivisti rappresentano "una notevole preoccupazione" per cui "è totalmente insufficiente la sorveglianza da parte delle autorità, della direzione generale della sicurezza interna e del servizio centrale di intelligence territoriale" Questa "minaccia è presente in Francia da circa dieci anni, e all'estero ancora da più a lungo". In alcuni paesi sono inseriti nella "lista nera: negli USA e nel Regno Unito sono state create unità speciali di polizia, per combattere con queste persone".

Gerald Arboit, il direttore scientifico CF2R, dice che "nell'estrema sinistra c'è il movimento ecologista, dagli anni ' 60 la sua posizione ha sempre più sostenitori e sempre più spesso passa alla violenza. Questo accade negli USA, in Germania e ora anche in Francia. Dietro è apparso il movimento vegano".

 I rappresentanti delle associazioni, sostenitori della difesa degli animali, cercano di isolarsi da questo tipo di azione.

Brigitte Gothiere, co-fondatrice dell'associazione L214, che registra video shock nei macelli, dice che non ha niente a che fare con gli attacchi: "atti vandalici non sono azioni che si desidera pubblicizzare. A nostro parere, questo scinde il movimento".

"I nostri video girati in fattorie e macelli riflettono i fatti reali e li nascondono al pubblico. E la colpa degli attacchi non è degli attivisti vegani, che cercano di sbloccare la situazione e di influenzare la legislazione e la visione del mondo delle persone. Più uccidono gli animali, più fortemente la gente protesta. E in Parlamento e al governo si fanno pressioni per gli allevamenti intensivi".

Correlati:

WikiLeaks, Assange agli attivisti sulla grazia a Manning: l'impossibile reso possibile
Attivisti civili accusano polizia francese di espellere senza diritto migranti in Italia
Ad Odessa scontri tra nazionalisti ucraini e attivisti “Anti-Maidan”: il video
Tags:
attacchi, attacco, servizi di sicurezza, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik