06:41 19 Settembre 2018
Ciclismo

Organizzazione Mondiale della Sanità parla di cosa minaccia oltre 1 miliardo di persone

© Foto : Pixabay
Mondo
URL abbreviato
0 30

Gli esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno annunciato che 1,4 miliardi di persone in futuro rischiano di soffrire di diabete, malattie cardiovascolari, demenza, cancro al seno o al colon per la mancanza di attività fisica.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista The Lancet Global Health alla vigilia della terza riunione ad alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sul tema delle malattie non trasmissibili e dei fattori di rischio per il loro sviluppo che si svolgerà il 27 settembre a New York.

La dottoressa Regina Guthold, autrice principale dello studio, ha rilevato che più di una persona adulta su quattro nel mondo non fa a sufficienza attività fisica e questa tendenza continua a crescere.

Dal 2001 al 2016 chi vive nei Paesi occidentali, così come in America Latina e nei Caraibi, ha dedicato sempre meno tempo all'attività fisica. I ricercatori attribuiscono questo aspetto ad una transizione verso uno stile di vita sedentario, un aumento del tempo dedicato al riposo e ad un aumento nell'uso dei veicoli a motore. Allo stesso tempo nei Paesi con redditi più bassi le persone fanno più lavoro fisico ed hanno meno accesso ai "mezzi di trasporto passivi".

Secondo le raccomandazioni dell'OMS, le persone di età compresa tra i 18 ed i 64 anni dovrebbero dedicare almeno 150 minuti a settimana ad attività fisiche leggere o almeno 75 minuti di esercizi intensi.

La ricerca è stata condotta tra persone di età superiore ai 18 anni. Il campione contava 1,9 milioni di persone provenienti da 168 Paesi.

Correlati:

Olio d'oliva e dieta mediterranea allungano la vita sessuale degli uomini
Dieta antistress: quali cibi riducono l'ansia
Biologi creano molecola capace di eliminare il grasso in eccesso
Calcolato periodo di aumento dell'obesità totale dell'umanità
Tags:
Salute, Medicina, Scienza e Tecnica, Società, Sport, OMS
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik