04:57 17 Dicembre 2018
Il semovente anticarro Sprut-SDM1Il semovente anticarro Sprut-SDM1

Lo Sprut: la Russia ritorna ai veicoli anfibi

© Sputnik . Evgeny Biyatov © Sputnik . Evgeny Biyatov
1 / 2
Mondo
URL abbreviato
3120

La potenza di fuoco di un carro armato, la mobilità di un VCCF e la capacità di superare ostacoli acquatici a qualunque profondità: le truppe aviotrasportate aspettano l’arrivo del semovente anticarro Sprut-SDM1 unico nel suo genere.

Questo mezzo ha ottenuto risultati così brillanti nei test effettuati che i costruttori sono intenzionati a promuoverlo anche sui mercati esteri. Sputnik vi spiega quali sono i punti forti di questo mezzo e perché si parla nuovamente nell'esercito di mezzi anfibi.

Quasi un carro armato

Un T-72 durante un esercitazione
© Sputnik . Alexey Filippov
Il primo modello di nuovo semovente è stato presentato al grande pubblico all'esposizione Army-2015. I test militari sullo Sprut-SDM1 sono cominciati nell'Oblast di Pskov al poligono di Strugi Krasnye nel 2016. Il nuovo modello di mezzo anfibio si distingue dal precedente, lo Sprut-SD, soprattutto perché è stato creato a partire dal BMD-4M. Lo Sprut-SDM1 è dotato di un motore più potente, di un avanzato sistema di puntamento, nuove armi da tiro, un sistema automatico per l'inseguimento dei bersagli. Inoltre, il semovente è stato equipaggiato con un nuovo sistema di missili guidati e con armi corazzate di portata fino a 5 chilometri.

È possibile lanciare il mezzo con il paracadute insieme all'equipaggio oppure farlo sbarcare da una nave. Pesa in tutto 18 tonnellate e può trasportare un equipaggio di 3 persone. L'arma principale dello Sprut è il cannone ad anima liscia 2A75 da 125 mm, analogo in piccolo dell'arma integrata nel carro armato T-90. Si può spostare su superfici orizzontali in ogni direzione. Munizioni: 40 proiettili di vario tipo per caricatore automatico. In dotazione vi sono bombe a frammentazione, penetratori a energia cinetica, esplosivi anticarro e proiettili guidati.

Per la neutralizzazione del nemico e dei suoi mezzi corazzati leggeri nell'arsenale dello Sprut sono previste una mitragliatrice guidata da remoto da 7,62 mm e una mitragliatrice a vapore da 7,62 mm.

Su strada il mezzo raggiunge i 70 km/h, in acqua grazie agli idrogetti è in grado di raggiungere una velocità di 7km/h. Un'altra qualità di questo semovente è che l'equipaggio può fare fuoco anche dall'acqua. Sprut può modificare la sua altezza dal suolo da 190 mm a 600 mm: questo gli permette di nascondersi dietro ostacoli naturali.

Il PT-76
© Sputnik . V. Gatchikov
Il PT-76
Un antenato snobbato

Lo Sprut non è il primo anfibio russo. Già all'inizio degli anni '50 venne costruito il PT-76 per l'Esercito sovietico. Il progetto dell'anfibio venne avviato alla fine degli anni '40 sulla base delle esperienze maturate durante la Grande guerra patriottica. Si ipotizza che, in caso di un grande conflitto armato contro i Paesi occidentali, le maggiori operazioni militari si sarebbero verificate nell'Europa centrale e che le truppe avrebbero dovuto superare numerosi ostacoli acquatici.

Il PT-76
© Sputnik . RIA Novosti
Il PT-76

Gli equipaggi del PT-76 furono addestrati ad attraversare bacini d'acqua, a conquistare avamposti e a coprire con il fuoco gli altri reparti maggiori. Tuttavia, la carriera militare del PT-76 fu relativamente breve, in tutto 15 anni. Poi la richiesta di questo mezzo calò a causa della sempre maggiore attenzione riservata allo sviluppo di armi nucleari. Gli anfibi non erano più richiesti. Si è tentato di adattarli alle esigenze dei reparti di ricognizione della Fanteria e delle Truppe aviotrasportate.

Alla fine degli anni '60 gli anfibi furono definiti obsoleti perché i telai e gli armamenti non erano più al passo con le operazioni militari. Al tempo fu il nuovo BMP-1 a porre fine definitivamente al progetto. Questo mezzo, infatti, erano di gran lunga superiore al PT-76 per caratteristiche e potenzialità. Una parte degli anfibi rimase a disposizione delle forze armate, gli altri furono venduti o consegnati a titolo gratuito a Paesi amici. Il PT-76 fu impiegato nella Guerra del Vietnam, nei conflitti indo-pakistani e nelle operazioni militari in Medio Oriente.

Nonostante il successo del BMP i costruttori non abbandonarono completamente l'idea di un anfibio leggero equipaggiato con armi pesanti. Infatti, agli inizi degli anni '90 progettarono il cannone semovente anticarro 2C25 Sprut-SD dotato già di un'arma da 125 mm. Come modello presero il BMD-3. A metà degli anni 2000 il semovente venne inserito fra gli armamenti dell'esercito russo e più tardi andò a rafforzare alcuni comparti delle truppe aviotrasportate.

Nemici alla pari

Leggero, veloce, facilmente manovrabile e potente, lo Sprut-SDM1 diventerà un supporto importante per i comparti delle truppe aviotrasportate e della fanteria navale nell'esecuzione di operazioni volte ad aggirare il nemico o a sorvegliare la costa durante gli sbarchi. Il cannone anticarro è perfetto per difendere la fanteria, combattere mezzi corazzati, neutralizzare punti di riferimento e costruzioni difensive del nemico.

"Oggi si ricorre a una nuova tecnica di sbarco", racconta a Sputnik l'esperto militare Aleksey Leonkov. "Per il perfezionamento dei sistemi di difesa costiera le truppe non effettuano gli sbarchi come in passato: i mezzi vengono fatti sbarcare lontano dalla costa, per questo i mezzi anfibi sono necessari. Inoltre, servono anche per il trasporto della fanteria: infatti, Sprut non ha bisogno di ponti perché può superare qualsiasi ostacolo acquatico".

Chiaramente Sprut non è più sicuro dei carri armati da combattimento: infatti, in uno scontro diretto con mezzi più potenti sarebbe in difficoltà sebbene la struttura del semovente ne permetta l'equipaggiamento con ulteriori sistemi di difesa dinamica. "In combattimento il ruolo più importante lo svolge l'abilità dell'equipaggio. Ad esempio, l'equipaggio dei carri armati iracheni se l'è cavata bene con gli Abrams americani pur utilizzando gli ormai obsoleti T-62 e T-54. Durante la Grande guerra patriottica i leggeri T-34 hanno neutralizzato i carri armati pesanti tedeschi Tiger e Panther. Grazie all'agilità dei mezzi e all'ottima preparazione dell'equipaggio i T-34 sono riusciti a posizionarsi a una distanza utile per il tiro", osserva l'esperto.

Per quanto riguarda le esportazioni, lo Sprut è particolarmente interessante per le forze armate di nazioni insulari, come l'Indonesia.

"Le forze antigovernative lì utilizzano efficacemente le caratteristiche del territorio per spostarsi velocemente da un'isola all'altra su motoscafi. Combatterle è molto difficile: gli elicotteri e le navi le rincorrono a vuoto. Lo Sprut potrebbe agire in maniera autonoma perché è in grado di sbarcare senza essere visto su un'isola e di neutralizzare il nemico", conclude Leonkov.

Correlati:

I Giochi militari 2018: l'inaugurazione e il biathlon dei carri armati
Tags:
mitragliatrice, Sprut-SDM1, anticarro, semovente, carro armato, ARMIYA-2018, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik