23:55 24 Settembre 2018
L'ambasciata russa nel Regno Unito

Caso Skripal, Mosca accusa Londra di violazione del protocollo diplomatico

© Sputnik . Alex McNaughton
Mondo
URL abbreviato
1141

Il comportamento di Londra nel caso Skripal è contrario ai canoni delle relazioni diplomatiche ed è un’eclatante violazione del protocollo diplomatico. Lo ha detto a Sputnik il portavoce dell'ambasciata russa a Londra.

"Oggi sono esattamente sei mesi da quando i cittadini russi Sergey e Julia Skripal sono stati ricoverati presso l'ospedale di Salisbury in circostanze misteriose. In questi sei mesi sono rimasti in isolamento sotto il pieno controllo delle autorità britanniche. Sono fuori dalla vista del pubblico, in un luogo sconosciuto, privati della possibilità di comunicare liberamente con parenti, amici, giornalisti e rappresentanti ufficiali della Russia, non possono neppure circolare liberamente", ha detto il rappresentante dell'ambasciata.

Egli ha spiegato che le autorità britanniche negano ai funzionari dell'ambasciata di avere un contatto diretto con loro, per stabilire il loro effettivo stato di salute e se sono consapevoli di quello che sta loro accadendo.

Secondo l'ambasciata russa, il Regno Unito continua a violare grossolanamente le convenzioni che garantiscono alla Russia il diritto di comunicare con i propri cittadini, e "la privazione praticamente forzata della libertà degli Skripal" solleva interrogativi circa il rispetto dei loro diritti.

"Nei primi giorni dopo l'incidente, la Russia ha formalmente proposto al Regno Unito ogni possibile assistenza. Abbiamo avviato un'indagine congiunta con le forze dell'ordine, è stata inviata a Londra una richiesta di assistenza giudiziaria nel quadro del procedimento penale in Russia, hanno espresso la loro disponibilità a collaborare nel quadro stabilito dalle procedure dell'OPCW. Nel corso degli ultimi mesi l'ambasciata ha inviato più di 70 note e lettere al ministero degli Esteri, al ministero dell'Interno, alla polizia britannica, solleviamo regolarmente la questione degli Skripal nei contatti personali con i rappresentanti del Foreign office", osserva il portavoce.

Tuttavia, sottolinea, Londra ignora quasi tutte le domande, le proposte e gli appelli.

"Questo comportamento di Londra contraddice tutti i canoni delle relazioni civili tra gli stati ed è una palese violazione delle norme elementari del protocollo diplomatico", nota l'ambasciata.

La Russia, continua, è fermamente determinata a scoprire tutte le circostanze dell'incidente.

"La Russia, come in precedenza, è determinato a stabilire le vere cause dell'incidente di Salisbury e continuerà a chiedere alle autorità del Regno Unito di fornire informazioni complete sull'incidente, garantire l'accesso ai nostri cittadini e avviare un'indagine veramente aperta con la partecipazione degli esperti russi", ha concluso il portavoce.

Lo scorso 4 marzo a Salisbury, Regno Unito, sono stati avvelenati l'ex spia russa Sergey Skripal e sua figlia Julia. Londra ha accusato Mosca della responsabilità dell'accaduto. La Russia, dal canto suo, nega categoricamente il coinvolgimento nell'accaduto, definendo tali accuse "una provocazione infondata". Il ministero degli Esteri ha ripetutamente richiesto un'indagine congiunta che le autorità del Regno Unito hanno finora rifiutato.    

Correlati:

L'OPCW conferma i risultati britannici sulla sostanza utilizzata a Salisbury e Amesbury
Esperto: sanzioni per Salisbury non sono “niente di nuovo”
Poliziotto sottoposto ad esami a Salisbury per avvelenamento da sostanza nervina
Tags:
accuse, critiche, ambasciata, Caso Skripal, Gran Bretagna, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik