02:10 17 Dicembre 2018
Petro Poroshenko

Poroshenko proporrà all'ONU di imporre sanzioni per la situazione nel Mar d’Azov

© Foto : Press-service of the President of Ukraine
Mondo
URL abbreviato
5021

Il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko in occasione della riunione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite intende chiedere l’introduzione di sanzioni contro la Russia per la situazione nel Mar d'Azov. Lo riferisce oggi l’agenzia UNN citando il rappresentate di Poroshenko al parlamento ucraino Irina Lutsenko.

"È in corso la preparazione di sanzioni contro l'interferenza e il sequestro delle nostre navi nel Mar d'Azov da parte della RUssia, saranno approntate sanzioni internazionali. Il presidente parteciperà alla riunione delle Nazioni Unite e intende trattare l'argomento", ha detto la Lutsenko.

In precedenza, il ministro delle Infrastrutture dell'Ucraina Vladimir Omelyan ha dichiarato che Kiev sta concordando con i suoi partner occidentali le sanzioni contro i porti russi del Mar Nero a causa del blocco del mar d'Azov. Kiev accusa Mosca di bloccare le imbarcazioni in navigazione verso i porti ucraini nel Mar d'Azov. Tuttavia la direzione regionale dell'FSB in Crimea ha sottolineato che i controlli sono effettuati in conformità al diritto marittimo internazionale.

Il comando della Marina militare ucraina ha affermato che l'Ucraina non è in grado di raggiungere la parità militare con la Russia nel Mar Nero e nel Mar d'Azov. Tuttavia non sarebbe necessario perché per fermare "l'aggressione della Russia in mare" l'Ucraina ha bisogno di una "piccola ma efficace flotta", come la Norvegia, la Svezia e Israele.    

Correlati:

Klimkin: l'Ucraina "resisterà" alla Russia nel Mar d'Azov
Deputato ucraino: pronti a distruggere qualsiasi flotta nel Mar d’Azov
Kiev vuole la scorta NATO per le sue navi nel mar d'Azov
Tags:
Blocco navale, Sanzioni, ONU, Petro Poroshenko, Mare d'Azov, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik