11:22 19 Settembre 2018
Sebastopoli, Crimea

Klimkin: l'Ucraina "resisterà" alla Russia nel Mar d'Azov

© Sputnik . Aleksey Malgavko
Mondo
URL abbreviato
458

Il ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin ha parlato delle misure che deve prendere Kiev in risposta alla "provocazione" di Mosca.

Lo ha dichiarato in diretta al programma "Libertà di parola" in onda su ICTV.

"Siamo ben consapevoli che la Russia inizierà un'escalation controllata e inizierà ad aumentare le puntate. E le nostre azioni non devono concentrarsi solo sulla politica, solo sulla sicurezza, solo su questioni legali. Funzionerà solo una combinazione di tutto", ha spiegato il ministro. Secondo lui, si tratta di intraprendere misure legali, per azioni anti-sbarco, di comunicazione con i partner e l'ulteriore sviluppo della presenza nel mar d'Azov.

La situazione nel mar d'Azov

La situazione del settore nautico si è aggravata dall'inizio dell'anno. Nel mese di marzo, l'Ucraina ha fermato il peschereccio russo Nord, fermando il suo capitano Vladimir Gorbenko con l'accusa di accesso illegale in Crimea "con l'intenzione di danneggiare l'interesse pubblico". Nel mese di agosto nel porto di Cherson è stata fermata la petroliera Mehanik Pogodin.

Mosca ha giudicato le azioni di Kiev "terrorismo marittimo", le autorità russe hanno risposto rafforzando le guardie di frontiera nel mare. Le guardie di frontiera ucraine hanno dichiarato che i russi "hanno iniziato una politica rigorosa di contenimento e di ispezione delle navi".

Correlati:

La nave "Azov" transita sotto l'arcata del ponte di Kerch
L'FSB si occuperà della lotta al bracconaggio ucraino nel Mar d'Azov
Kiev vuole la scorta NATO per le sue navi nel mar d'Azov
Tags:
Mare, Crimea, Pavel Klimkin, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik