11:54 12 Dicembre 2018
Crimea

Le autorità della Crimea commentano l'articolo di NI

© Sputnik . Alexey Malgavko
Mondo
URL abbreviato
1171

L'articolo del giornale americano National Interest, in cui l'autore riconosce che le autorità di Kiev non hanno alcuna possibilità di riprendersi la Crimea, è "una meraviglia di sensatezza".

Lo ha detto a Sputnik il vice ministro delle politiche interne dell'informazione e della comunicazione della Crimea Vadim Pervykh.

In precedenza, l'editorialista di The National Interest Dug Bandow nel suo articolo ha scritto che il governo di Kiev non ha alcuna possibilità di riprendere la Crimea. Egli ha ricordato che la penisola per lungo tempo è stata parte della Russia, ha sottolineato che la maggior parte della popolazione della Crimea è composta da russi, che volevano la riunificazione con la Russia, pertanto, riprendere la penisola per Kiev senza il consenso dei suoi abitanti sarebbe sbagliato. Come dice l'autore, oggi, chi popola la Crimea sono russi e devono avere il diritto di veto in materia di rientro in Ucraina.

"Il noto giornalista non è la prima volta che mostra assennatezza. Per lui, come per qualsiasi persona di buon senso, è evidente che il suo paese è da tempo che gioca a fare il gendarme del mondo, facendosi solo nemici. Ed è del tutto naturale per un abitante di un paese democratico interessarsi dell'opinione della popolazione, cioè delle persone che vivono in Crimea. Tuttavia, vale la pena ricordare ancora una volta che la questione della Crimea non è un argomento di conversazione. La questione è chiusa. Per sempre. Rimane la speranza che grazie a giornalisti così, questa posizione venga presa anche dall'Occidente"  ha detto Pervikh.

 

 

Correlati:

Autorità Crimea: l’Ucraina minaccia la sicurezza della Russia
Giornale polacco pubblica mappa con la Crimea russa
Crimea: i tentativi di recuperare la Crimea con la forza sono destinati al fallimento
Tags:
Articolo, Crimea, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik