02:59 10 Dicembre 2018
Caffè

Deputato russo propone di vietare la vendita di caffè nelle scuole

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
230

Vietare la vendita di bevande contenenti caffeina all'interno delle strutture scolastiche, come fatto in Corea del Sud, è una misura corretta e questa esperienza potrebbe essere ripetuta in Russia, ritiene il deputato della Duma ed ex capo dell'associazione dei medici della Russia Gennady Onishchenko.

In precedenza era stato riferito che le autorità sudcoreane avevano vietato la vendita di bevande contenenti caffeina nelle scuole e la legge aggiornata "Sull'alimentazione sicura per i bambini" sarebbe entrata in vigore il 14 settembre.

"La misura è corretta, credo che anche noi sulla base di questa esperienza potremmo proseguire questo lavoro e nel nostro Paese," — ha detto Onishchenko a Sputnik.

Ha spiegato che la caffeina è sostanzialmente una droga in quanto crea dipendenza. Inoltre è contenuta nelle bevande energetiche, il cui divieto di vendita è in vigore anche in Russia.

Il deputato ha inoltre attirato l'attenzione sulla peculiarità della psiche dei minori.

"Se non vede, non si interessa; se vede, si sente di provarlo," — ha detto Onishchenko.

Secondo il deputato, occorre fare tutto il possibile per annullare le possibilità che i bambini abbiano accesso a qualcosa che possa trasformarsi in una dipendenza.

Correlati:

Ricercatori trovano algoritmo ideale per il consumo di caffè
OMS, allarme anche per il caffè?
Rogozin su cantieri navali ucraini: porteranno il caffè ai marines americani
C'è un nuovo uso dell'aroma del caffè
Tags:
Scuola, Società, caffè, studenti, Duma, Gennady Onishchenko, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik