11:23 19 Settembre 2018
California: migliaia di pesci sono “bolliti” a causa del caldo anomalo

California: migliaia di pesci sono “bolliti” a causa del caldo anomalo

© AP Photo / KCBS2/KCAL9
Mondo
URL abbreviato
215

Migliaia di pesci sono letteralmente “bolliti” al largo della baia di Malibù in California a causa delle temperature eccessivamente alte dell'acqua, secondo un'edizione online di Live Science.

"In realtà, questo è il più grande incidente del suo genere nella mia memoria. La temperatura dell'acqua nella baia e nel fiume Malibu ha raggiunto circa 28 gradi Celsius, che è notevolmente superiore a quello che possono tollerare le triglie e altri pesci che vivono in queste acque", ha detto Craig Sap, un ecologo del Dipartimento dei Parchi Nazionali e del Turismo della California.

Una delle conseguenze del riscaldamento globale sono i cosiddetti "eventi meteorologici estremi": periodi di caldo anomalo in inverno o freddo in estate, ondate di calore, piogge intense settimanali o siccità. Un chiaro esempio è l'inondazione a Krymsk nel 2012 e il caldo estivo in Russia nel 2010.

Come gli scienziati ritengono oggi, in futuro, con l'ulteriore incremento del riscaldamento globale, la frequenza di tali fenomeni non farà che crescere e riguarderà territori sempre più vasti. Ciò porterà ad un forte aumento della mortalità: ogni ulteriore grado di calore in estate aumenterà il numero di morti del 5%. L'anno scorso, come hanno scoperto gli ecologisti australiani, ondate di calore simili hanno "bollito" diverse migliaia di pipistrelli che vivono nelle foreste a ovest del continente.

Qualcosa di simile, come notato da Live Science, si è verificato alla fine della scorsa settimana in California, quando duemila pesci morti sono emersi sulla superficie del Golfo di Malibu.

Tali incidenti, come nota l'ecologo, oggi si verificano abbastanza spesso al largo delle coste degli Stati Uniti, ma di solito sono associati non alle alte temperature, ma alla moltiplicazione di alghe tossiche che emettono un "acido zombi" e altre tossine nelle acque costiere. I prodotti dei loro mezzi di sostentamento non solo uccidono da soli pesci e altra fauna marina, ma li privano anche dell'ossigeno.

Guidato da tali considerazioni, Sap e i suoi colleghi hanno raccolto campioni di acqua dalla baia e misurato il livello di ossigeno. Risulta che le alghe non sono state la causa della morte di massa di cefali e altri pesci, l'ossigeno nel golfo di Malibù era presente in quantità normali.

Per questo motivo, gli ambientalisti hanno suggerito che la causa principale della morte dei pesci sono state le ondate di calore verificatesi in California per gran parte dell'estate. Secondo gli scienziati, il calore ha riscaldato le acque costiere a temperature elevatissime e ha ucciso le specie di pesci più sensibili. 

Correlati:

Imprenditore vuole proporre referendum per la divisione della California
La mortalità per il caldo aumenterà di 5 volte nel 2080
Caldo record in Europa, chiusi 4 reattori nucleari francesi
Le città dell’Europa subiranno sempre più ondate di caldo anomale
Tags:
Cambiamenti climatici, cambiamenti climatici, clima, Cambiamenti climatici, California
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik