03:17 10 Dicembre 2018
T-14 tanks with the Armata Universal Combat Platforms

USA: carro armato russo Armata “inutile”

© Sputnik . Evgeny Biyatov
Mondo
URL abbreviato
566

Nonostante la Russia abbia dimostrato le potenzialità del carro armato Armata al forum internazionale "Armya 2018", e la graduale entrata in servizio dello stesso, "nulla è cambiato radicalmente", ha scritto l'esperto Dave Majumdar in The National Interest.

A suo parere, anche se l'esercito russo inizierà a ricevere nuove attrezzature, in particolare i carri armati T-14 Armata e T-90M si tratta comunque di una "piccola quantità", e la base delle forze armate rimarrà comunque il T-72B3 e altre "versioni aggiornate di veicoli esistenti".

"La Russia non ha bisogno di un enorme numero di mezzi come l'Armata per dominare i suoi vicini nello spazio post-sovietico", ha detto Majumdar.

Inoltre, l'edizione americana riconosce che le prestazioni del T-90M aggiornato sono significativamente superiori a quelle del T-90A originale, attualmente utilizzato dalle forze armate russe.

Nell'agosto 2018 esperto americano Joseph Trevithick sulle pagine di The Drive ha scritto che la tecnologia utilizzata per lo sviluppo del T-14 "Armata", sarà utile per creare altri veicoli da combattimento, e ora la Russia, abbandonando la sostituzione in massa di dei vecchi messi, sfrutterà al massimo gli armamenti dell'ex Unione Sovietica.

Entro il 2021, il Ministero della Difesa della Russia prevedeva di ricevere 132 carri armati T-14 e veicoli da combattimento della fanteria T-15 creati sulla base della piattaforma cingolata universale Armata.

Correlati:

Svelate le prospettive tecniche e commerciali del carro armato russo "Armata"
National Interest: esiste arma segreta equipaggiata su carro Armata
Il web deride ex ambasciatore USA per "l'invasione dell'Armata Rossa in Ucraina"
Esperto commenta ex ambasciatore USA su invasione dell’Armata rossa in Ucraina
Tags:
Armi, carro armato T-14 "Armata", Armi, The National Interest, Esercito, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik