05:36 19 Settembre 2018
Cacciatorpediniere The Sullivans (foto d'archivio)

Mosca accusa, USA schierano nave d'attacco nel Golfo Persico per bombardare la Siria

© AP Photo /
Mondo
URL abbreviato
18138

Il pretesto per colpire la Siria da parte di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia dovrebbe essere una provocazione con armi chimiche, ha dichiarato il rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov.

Secondo il portavoce del dicastero militare russo, nel Golfo Persico pochi giorni fa è arrivata il cacciatorpediniere americano "The Sullivans" con 56 missili da crociera, mentre nella base aerea americana in Qatar è stato dislocato il bombardiere strategico B-1B, armato con 24 missili da crociera aria-terra AGM-158 JASSM.

"Pertanto le azioni dei Paesi occidentali contraddicono le dichiarazioni pubbliche e sono orientate ad un'ulteriore grave escalation in Medio Oriente e al fallimento del processo di pace in Siria", — ha sottolineato Konashenkov.

Correlati:

Ministero Difesa: militanti a Idlib preparano nuova provocazione con le armi chimiche
Crisi Siria, consigliere per sicurezza di Trump parla di "leve di pressione" sulla Russia
Russia, ministero Difesa fa il punto sulla situazione in Siria
Trump propone ad "altri paesi ricchi" di aiutare finanziariamente la Siria
Milioni di persone tornano in Siria. USA smarriti
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, Armi chimiche, Bombardamenti in Siria, crisi in Siria, ministero della Difesa della Federazione Russa, marina USA, generale Igor Konashenkov, Gran Bretagna, Siria, Francia, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik