10:47 19 Dicembre 2018
Recep Tayyip Erdogan

Erdogan: gli USA hanno fatto della Turchia un obiettivo strategico

© Sputnik . Alexet Vitvitsky
Mondo
URL abbreviato
3252

Gli Stati Uniti, che si autodefiniscono partner strategico della Turchia, hanno fatto di lei un obiettivo strategico. Lo ha dichiarato oggi il presidente turco Recep Tayyip Erdogan parlando al congresso del partito Giustizia e Sviluppo ad Ankara.

"Non ci arrenderemo a coloro che ci definiscono un partner strategico ma hanno fatto di noi il proprio obiettivo strategico. Utilizzando la valuta, hanno cercato di organizzare un colpo di stato economico; volevano farci cadere in una trappola. Non interferirete nel raggiungimento dei nostri obiettivi ", ha detto Erdogan.

Egli ha sottolineato che la Turchia non si piegherà di fronte a quelle potenze che cercano di migliorare il proprio benessere a spese degli altri paesi.

"I recenti sviluppi nell'economia apriranno nuove porte e forniranno nuove opportunità di sviluppo. Prevediamo di accogliere 40 milioni di turisti. I progetti nel settore della difesa valgono oggi 45 miliardi di dollari e abbiamo intenzione di aumentare questa cifra a 75 miliardi di dollari. I droni, aerei ed elicotteri, lo sviluppo e la l'introduzione di nuove macchine andrà avanti", ha aggiunto il presidente turco.

Ad inizio agosto gli Stati Uniti hanno raddoppiato le tariffe sull'alluminio e l'acciaio per la Turchia, causando il crollo della lira turca ai minimi storici. Il Tesoro degli Stati Uniti in precedenza ha imposto sanzioni contro il Ministro della Giustizia e il Ministro dell'Interno turchi in relazione alla detenzione del pastore americano Andrew Brunson, arrestato nell'ottobre 2016 con l'accusa di favoreggiamento dell'organizzazione terroristica Feto. In risposta alle sanzioni statunitensi la Turchia ha aumentato drasticamente i dazi su 22 tipi di merci americane, soprattutto sulle importazioni di tabacco, alcol, automobili, cosmetici, riso e frutta.     

Correlati:

Con sanzioni USA, nuova tappa nelle relazioni tra Turchia e UE
Gli analisti: le economie più fragili dopo la Turchia
Turchia: inizio sostituzione delle importazioni dei prodotti americani
Tags:
relazioni bilaterali, Importazioni, valuta, dazi, Sanzioni, tensione, Recep Erdogan, Turchia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik